ULTIM'ORA

Siracusa. Festa della Repubblica, celebrazione in piazzale IV Novembre. Il prefetto Castaldo: “rinsaldare la fiducia dei cittadini verso le Istituzioni”


News: settantunesimo anniversario della fondazione della Repubblica con una cerimonia e a Siracusa la festa è in piazzale IV Novembre con le autorità civili, militari e religiose e i ragazzi dei licei Corbino e Gargallo di Siracusa che hanno eseguito alcuni brani musicali durante la manifestazione oltre all’attrice Anna Della Rosa, l’Antigone di “Sette contro Tebe” al Teatro Greco, che al termine della cerimonia ha recitato alcuni brani.

Nel suo discorso, il primo dall’insediamento, il prefetto Giuseppe Castaldo ha voluto ringraziare i padroni di casa della Capitaneria di Porto, le Forze armate e di Polizia e ricordato la scelta fatta il 2 di giugno del 1946 dagli italiani, che votando per la prima volta a suffragio universale, decisero il futuro del nostro Paese, fondando la Repubblica.

 “Questo momento celebrativo sia occasione per rinsaldare la fiducia dei cittadini non soltanto nei loro confronti, ma verso le Istituzioni tutte, chiamate a fornire risposte alla sempre più forte e pressante richiesta della collettività di tutela e garanzia dei diritti sociali e civili – ha detto – In un momento di grave crisi economica, che ha alimentato la sfiducia nel futuro, occorre uno sforzo congiunto volto ad assicurare maggiore coesione sociale, mettendo a fattor comune le capacità e le esperienze dei singoli. Fondamentale è la costruzione di una “rete”, attraverso il continuo dialogo, la leale collaborazione ed il costruttivo confronto tra i diversi livelli di governo. E una rete va costruita anche tra rappresentanti delle istituzioni e cittadini, perché il nostro sia un agire comune che anteponga l’interesse ed i bisogni della collettività a quelli dei singoli. Dobbiamo, insieme, contribuire alla diffusione di un’etica pubblica incentrata sul rispetto delle regole, garanzia del pieno godimento dei diritti da parte di tutti e della lotta ad ogni forma di illegalità. Questa comunità ha dimostrato grande solidarietà, generosità e disponibilità, impegnandosi per fornire risposte al fenomeno dell’immigrazione. Sono certo che nonostante le tante difficoltà riuscirà ancora, se necessario, ad assicurare il proprio contributo all’accoglienza di quanti fuggono dai loro paesi alla ricerca di un futuro migliore. Sono certo che, attraverso l’impegno comune, cittadini e Istituzioni sapranno affrontare e superare le diverse sfide di questo nostro tempo“.

Quindi la consegna delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, concesse dal presidente della Repubblica a 16 concittadini che si sono particolarmente distinti per l’impegno profuso e i risultati ottenuti in diversi ambiti, perché la loro azione possa valere da esempio per tutti.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: