ULTIM'ORA

Siracusa. “Fab Lab”, l’officina digitale dove si fabbrica il futuro: un progetto finanziato dal Miur


1620517_135322403304884_1833255704_n

immagine di repertorio

News Siracusa: il  “Fab Lab” presentato dalla rete della città di Siracusa con l’Istituto tecnico “Filippo Juvara” come scuola capofila, è stato uno dei  58 progetti finanziati dal MIUR nell’ambito del bando nazionale “Laboratori Territoriali per l’occupabilità”. 

I “Laboratori Territoriali per l’occupabilità” sono laboratori promossi da partenariati innovativi tra scuole e attori del territorio: in essi gli studenti, i professionisti, gli artigiani potranno sviluppare competenze e avvicinarsi in maniera concreta alla innovazione attraverso la pratica, per migliorare, quindi, le proprie condizioni di occupabilità.

Il progetto siracusano, finanziato con 750mila euro, prevede la realizzazione di un “Fab Lab”, ossia di un’officina di fabbricazione digitale, che sorgerà presso i capannoni dell’Urban Center, ex sala Randone, per valorizzare il patrimonio artistico e architettonico, e promuovere il turismo nel nostro territorio attraverso la digitalizzazione di alcuni servizi.

“Il “Fab Lab” – ha dichiarato l’assessore alle politiche scolastiche Valeria Troia –  avrà ricadute positive in tutto il territorio siracusano, considerato il livello tecnologico che sarà raggiunto dal laboratorio e le finalità del progetto”.

Il finanziamento prevede la ristrutturazione dei capannoni su cui dovrà sorgere la struttura, e l’acquisto di attrezzature tecnologicamente innovative quali droni di ultima generazione, stampanti 3D, plotter, cutter ed altre apparecchiature.

“Il futuro – continua l’assessore Troia – della nostra crescita è molto legato all’economia digitale. Per questo il MIUR, sia attraverso alcuni provvedimenti specifici presenti nella riforma sulla buona scuola, sia con l’emanazione di specifici bandi, stimola le scuole ad innovarsi. Questo progetto rappresenta un ottimo risultato raggiunto grazie alla sinergia tra Istituzioni, scuole, università ed aziende del territorio”.

Per Giovanna Strano, dirigente scolastico del “Filippo Juvara” si tratta di: “un ulteriore riconoscimento all’Istituto tecnico per le sue capacità progettuali e di innovazione. Esso permette di combattere la dispersione scolastica, promuove l’acquisizione di competenze pratiche, favorisce l’alternanza scuola lavoro, e quindi l’inserimento lavorativo”. Il progetto vede la partecipazione, tra oltre che del Comune che ha messo a disposizione i locali ed i tecnici dello Smart Lab, anche di altri Istituti scolastici cittadini, di partner privati e pubblici, tra i quali il Libero Consorzio e la Camera di Commercio.

 

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: