ULTIM'ORA

Siracusa, differenziata nelle zone balneari: Culotti “Il servizio funziona malissimo”


Giuseppe Culotti, presidente circoscrizione Neapolis

Giuseppe Culotti, presidente circoscrizione Neapolis

News Siracusa: il presidente di circoscrizione Neapolis, l’avvocato Giuseppe Culotti, interviene sulle recenti polemiche riguardanti la raccolta differenziata effettuata nelle zone balneari di Siracusa.

“Nonostante le smentite e le rassicurazioni ricevute – dichiara Giuseppe Culotti – a seguito della segnalazione della campana per la raccolta del vetro svuotata nell’indifferenziato, sfido a trovare un qualunque cittadino residente nella zona balneare di Siracusa soddisfatto del servizio reso”.

“Oltre alla cattiva gestione dei cassonetti per la raccolta differenziata – continua Culottispesso vecchi, danneggiati se non posizionati in luoghi scomodi (come ben denunciano alcune associazioni di residenti), permane in quelle zone l’assoluta incuria, un manifesto disinteresse per l’igiene e la salute pubblica, con una raccolta eseguita male, frettolosamente e senza la benché minima cura non già del dettaglio, cosa che sarebbe normale in un paese civile, ma neppure del “grossolano”.

“Non è dunque solo la differenziata a funzionare male – prosegue il presidente della circoscrizione Neapolisma tutto il sistema della raccolta dei rifiuti, pagato carissimo e con tanti sacrifici anche dagli abitanti di quelle zone, dimenticati e ignorati volutamente, come denuncio ormai da mesi, dall’amministrazione comunale. A tutto questo si aggiunge poi una ormai cronica assenza di trasparenza, sia sui metodi adottati dal gestore per scegliere cosa deve essere differenziato e cosa no (ad esempio, il vetro non può essere lavato se trovato sporco?) sia nel tortuoso iter del tanto decantato nuovo bando, fermo non si sa bene per quale motivo e del quale, da mesi, non si hanno più notizie”.

“L’assessore Coppa – conclude Giuseppe Culottici risparmi almeno il classico balletto dei numeri (peraltro irrisori) sul risparmio del conferimento in discarica e nella differenziata, tirato fuori per giustificare ormai l’ingiustificabile, che resta sotto gli occhi (e a favore di narici) dei residenti”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: