ULTIM'ORA

Siracusa: dal 26 giugno al 3 luglio appuntamento con le “Feste Archimedee”. Oggi la presentazione


Feste Archimedee presentazione 2016 Siracusa Times

News Siracusa: è stata presentata stamattina, nella sala Archimede, di piazza Minerva la quinta edizione delle Feste Archimedee,  da domenica 26 giugno a domenica 3 luglio a Ortigia. E la versione extra-large delle feste è solo una delle grandi novità di questa edizione.

“E’ una iniziativa che cresce anno dopo anno –ha detto il vicesindaco di Siracusa, Francesco Italia – e il programma dà la misura dello sforzo che c’è dietro questo progetto”.

“Questa manifestazione – ha detto Carlo Gilistro, direttore artistico e scientifico delle Feste– l’ho immaginata alcuni anni addietro mentre ero in una campagna toscana. Una rivoluzione che coinvolgeva i giovani, che non vogliono essere invisibili. Il risultato più importante è che adesso questo modello lo stiamo esportando ovunque rendendolo internazionale”.

A sottolineare un’altra grande novità di questa edizione è stato il direttore del progetto Edda Cancelliere. “Le Feste Archimedee accolgono il Festival della Crescita di cui noi stessi diventiamo ambasciatori. Ma abbiamo portato le feste a Milano, Roma, Lucca dove abbiamo raccontato chi siamo e cosa facciamo. Ho raccontato che ad un certo punto della mia vita ho incontrato un pediatra sognatore e ho scommesso su un progetto: dare vita ad un evento che punti sulla felicità, sull’accoglienza e sull’integrazione e che avesse come obiettivo il cosiddetto “mondo giovane”. Nel nome di Archimede, sono nate a Siracusa le Feste archimedee. Arte e genio, talento e creatività, spinta propulsiva per giovani e adulti per la circolazione di cultura. Cultura, parola abusata, come tante altre, parola ripetuta perché divenuta troppo vasta. Le Feste archimedee sono protese alla circolazione delle idee, all’interferenza e alla contaminazione delle idee, sono protese verso i giovani, per dare loro un palco, un’attenzione, un pensiero, per renderli protagonisti di un’esigenza sociale, ma per accogliere anche l’adulto, per renderlo consapevole del cammino evolutivo che stiamo percorrendo”. Cancelliere ha ricordato il concorso “Racconta il tuo talento” curato da Carlotta Zanti.

“Questa sarà la mia ultima collaborazione con le Feste – ha annunciato il regista Alfredo Lo Faro – ma resto convinto di una cosa. Per lavoro ho avuto modo di vedere tutto il mondo, ma non c’è un palcoscenico come quello di piazza Duomo.  E in  questo contesto è naturale la collocazione di un progetto folle e apparentemente illogico come le Feste. Ma attenzione: le Feste sono come la pajella. Un piatto delizioso con ingredienti apparentemente incompatibili”. Oltre al concorso l’altro appuntamento che coinvolge i bambini saranno i laboratori curati da Daniela Occhipinti e Jose Occhipinti. “Abbiamo immaginato due spazi, uno dedicato ai più piccoli e un secondo ai più grandi. Ma assolutamente da non perdere è la città infinita un allestimento che arriva direttamente da Barcellona”.

Poi gli eventi. Nel cortile del palazzo del governo di via Roma Dante multimediale: un viaggio virtuale nella “Divina Commedia”. Con Fabio Ferri, a cura di Prospero Dente e Massimo Arcangeli. E “Rinaldo e la grotta del drago”. Il film. Versione cinematografica di uno dei cavalli di battaglia della Compagnia dei Pupari Vaccaro Mauceri. Introduce Massimo Arcangeli. E ancora “Intersezioni. La felicità in versi, la felicità in musica”, diretto da Massimo Arcangeli, con la partecipazione di rapper e poeti. All’ipogeo di piazza Duomo “Io sono Lucia che vede l’invisibile. La forza simbolica delle sante martiri”, un progetto di Sabina Ciuffini. Poi le serate conclusive quando piazza Duomo diventerà il centro delle Feste Archimedee. Venerdì 1 luglio, il Gran Galà delle Feste Archimedee, regia di Alfredo Lo Faro.

Nel corso della serata sarà assegnato il premio relativo al concorso “Racconta il tuo talento”. Sabato 2 luglio ancora grandi ospiti sul palco di piazza Duomo. Premi speciali Feste Archimedee a Desirée Rancatore, Mauro Ermanno Giovanardi, Marco Savatteri, Ernesto Marciante, Luca Vullo. Ospiti: Grande Orchestra delle Feste archimedee, Domenico Riina & Orchestra, Pietro Adragna, sezione giovanile dell’Accademia d’arte del dramma antico della Fondazione Inda.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: