ULTIM'ORA

Siracusa. Consiglio Comunale in “crash”. Si dimettono Milazzo e Rodante. Lunedì pronti a lasciare Vinci e Sorbello


fabio-rodante-massimo-milazzo-dimissioni-siracusa-timesNews Siracusa: non si placa la “bufera” a Palazzo Vermexio dopo gli ultimi “scandali“.

E se la guerra “mediatica” tra consiglieri comunali sembra non trovare un armistizio arrivano le prime dimissioni ufficiali da parte di chi non vuole più far parte di un Comune etichettato dalla stampa come quello più inquisito d’Italia.

Uno strappo impossibile da ricucire quello che vede l’ente avvolto da una spirale di notizie prettamente scandalistiche, di denunce e di querele continue. Le prime ufficiali dimissioni sono arrivate questa mattina da parte dei consiglieri comunali Massimo Milazzo e Fabio Rodante (nella foto) che hanno deciso di abbandonare le sedute dell’aula Vittorini del palazzo Vermexio.

E mentre l’attività amministrativa di Siracusa, dopo il servizio mandato in onda dalla trasmissione televisiva “Le Iene” (CLICCA QUI) sembra subire una paralisi non tardano ad arrivare, in mattinata, le dichiarazioni congiunte dei consiglieri Cetty Vinci e Salvo Sorbello che, a quanto pare, depositeranno davanti al notaio Pensavalle le proprie dimissioni nella giornata di lunedì.

Dobbiamo staccare la spina al Consiglio comunale. È questo l’obiettivo a cui miriamo in maniera collettiva”. Così i Consiglieri comunali Cetty Vinci e Salvo Sorbello, che già avevano manifestato la decisione di promuovere un’azione comune verso lo scioglimento del Consiglio comunale, “possibile – spiegano – solo con le dimissioni contemporanee di almeno 21 Consiglieri

Invitiamo tutti i Consiglieri comunali a fare lo stesso – affermano Vinci e Sorbello  –. Ci saranno 5 giorni di tempo per firmare le dimissioni e tentare di ridare dignità a Siracusa, mettendo la parola fine a questa amministrazione comunale”.

Siracusa. Consiglio Comunale in “crash”. Si dimettono Milazzo e Rodante.  Lunedì pronti a lasciare Vinci e Sorbello

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: