ULTIM'ORA

Siracusa: conferenza stampa di Castagnino e Vinciullo sulla cancellazione dei crediti e sulle opere pubbliche proposte e approvate


Vinciullo Siracusa Times

News Siracusa: si è svolta questa mattina, la conferenza stampa, indetta dal deputato regionale Vincenzo Vinciullo e dal consigliere comunale Salvatore Castagnino sulla cancellazione di un credito da parte del Sindaco e su alcune opere pubbliche, proposte e approvate dal Consiglio Comunale durante la seduta del 24 novembre e ora in attesa di realizzazione.

Il consigliere Castagnino ha iniziato il suo invertendo precisando che il bilancio in un’azienda rappresenta indirettamente il bilancio dei soci così nel caso del Comune esso rappresenta, indirettamente il bilancio dei cittadini.

“A Siracusa – spiega Castagninoil sindaco decide di far volatilizzare dei crediti per 52 milioni e 800 mila euro che vanta il Comune di Siracusa, quindi ogni cittadino siracusano, che ammonta all’incirca a €456 pro capite, inclusi i bambini, viene azzerato.

Quindi questo credito non è più esigibile da parte del contribuente che si vede costretto, indirettamente, ad accendere un mutuo di 683 mila euro l’anno per trent’anni affinché si possa rispettare la legge di bilancio che comporta un costo di €157,83 pro capite al cittadino. Quindi questa operazione ha solo aumentato dei costi definitivi per circa €590 al cittadino. Il fatto più grave è che l’assessore tre settimane prima di portare avanti questa proposta ha fatto approvare un bilancio, all’interno del quale questi 52 milioni e 800 mila euro erano definiti crediti certi ed esigibili, successivamente per far ripartire un bilancio con una liquidità dettata dall’accensione del mutuo, cancella quei crediti e successivamente accende un mutuo.

Il consigliere Castagnino manifesta la sua incredulità in quanto alla sua richiesta di elencazione dei soggetti creditori anziché rispondere l’assessore al Bilancio ha abbandonato l’aula.

Sgomento anche dall’onorevole Vinciullo che accusa l’amministrazione comunale di non affidarsi al ragioniere generale del Comune e quindi incorre spesso in questi errori.

Il deputato si sofferma poi ad illustrare alcuni  degli emendamenti approvati dal Civico consesso, proposti dai consiglieri comunali Castagnino, Vinci e Alota.

“Grazie agli emendamenti proposti dai nostri consiglieri avremo la circonvallazione lato nord ionico di Belvedere – commenta entusiasta Vinciullo –  Essa è un opera importante perché rappresenta una via di fuga dalla città. Sarà mio compito, qualora il Comune faccia le dovute richieste, cercare di trovare le risorse necessarie. 

Altro importante intervento sarà la conclusione della parkway grazie alla realizzazione di un tunnel che da viale Epipoli porta al cimitero inglese, in maniera tale che abbiamo una via di fuga antisismica. Quello che è sembrato eccessivo è il costo di questa opera che è stato valutato 34 milioni di euro. Ricordo che la progettazione preliminare, da me lasciato quando ero assessore comunale, valeva meno di 13 milioni di euro e quindi ammesso che ci sia stato un aumento del 50% dei costi di realizzazione credo che possiamo benissimo fermarci a 20 milioni per la realizzazione e il completamento della Parkway che da Epipoli porta alla Strada Stradale 124 cioè la Siracusa-Floridia. 

A conclusone di conferenza il consigliere Castagnino ha illustrato gli altri emendamenti approvati come  la realizzazione del viadotto di Targia, qualora non dovesse andare in porto il progetto delle Protezione civile; un intervento contro le barriere architettoniche, a partire dai marciapiedi; la riqualificazione, anche per renderla più sicura, di via Necropoli Grotticelle; il canale di gronda a Epipoli; la sistemazione dei tombini che si trovano sotto la linea stradale; un parco giochi e un campo di calcio per i soggetti diversamente abili, quest’ultimo proposto dalla consigliera Vinci ed ha precisato che tutti gli interventi sono realizzabili con fondi comunali.

L’onorevole Vinciullo ha concluso la conferenza stampa annunciando ai giornalisti che alle 11 di questa mattina si sarebbe recato in Procura per depositare una denuncia contro la realizzazione nell’area portuale commerciale di Augusta della struttura per l’identificazione e smistamento dei migranti voluto dal Ministero degli Interni, su richiesta della Comunità Europea.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: