ULTIM'ORA

Siracusa, commissione Scieri. Il 12 e 13 Agosto sopralluogo alla caserma “Gamerra” di Pisa


scieriNews Siracusa: a diciassette anni dalla tragica scomparsa di Emanuele Scieri, il parà trovato morto ai piedi della torre di asciugatura dei paracadute all’interno della Caserma “Gamerra” di Pisa, la commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte del militare siracusano, presieduta dall’onorevole Sofia Amoddio, compirà, venerdì 12 agosto e sabato 13 agosto 2016, una missione all’interno della caserma “Gamerra“, per osservare i luoghi del tragico avvenimento all’indomani delle deposizioni fatte dai militari ascoltati dalla Commissione nel corso delle audizioni che si sono succedute a partire dal mese di aprile 2016.

Oggetto della missione è quello di svolgere un sopralluogo dei siti interessati dalla tragedia della morte di Emanuele Scieri, acquisendo utili informazioni relative all’evento, e commemorare la scomparsa di Emanuele. La delegazione della Commissione, guidata dal presidente Sofia Amoddio, sarà formata dai deputati Fusilli, Zappulla, Palma e Baroni del Movimento 5 Stelle.

Dal mese di aprile 2016, incessantemente, abbiamo audito oltre 20 ex paracadutisti della Folgore, incontrando alcune resistenze, ma venendo anche a conoscenza di molti elementi interessanti che vanno riscontrati con un sopralluogo dei luoghi”. Lo dichiara Sofia Amoddio, presidente della commissione d’inchiesta sulla morte di Scieri. “La missione coincide con l’anniversario della morte di Emanuele Scieri e per questo motivo abbiamo intenzione di deporre sui luoghi una corona di fiori per commemorarne la scomparsa”.

“La morte di Emanuele Scieri – dichiara Carlo Garozzo, Presidente dell’associazione “Giustizia per Lele” – è colma all’orlo di incongruenze, omissioni, bugie e abusi. La magistratura ad oggi non è stata in grado di accertare alcuna responsabilità pur riconoscendo che dei presunti “ignoti” abbiamo cagionato la morte di Emanuele Scieri. Se dopo 17 anni siamo ancora qua a chiedere Verità e Giustizia è perché il senso di indignazione non ci ha abbandonato. Dopo 17 anni non ci arrendiamo, non ci fermiamo e mai lo faremo. Pretendiamo, verità e giustizia per Emanuele Scieri”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: