ULTIM'ORA

Siracusa: città amica degli anziani, lo propone la Consulta Civica


DAMIANO DE SIMONE siracusa times

News Siracusa: Il presidente della Consulta civica, in vista del repentino innalzarsi delle temperature, previsto  per l’inizio del prossimo mese di luglio, invita il Comune di  Siracusa-  al quale nelle prossime ore sarà formalizzata l’istanza-   a contribuire al piano anticaldo, già predisposto dal punto di vista dell’assistenza sanitaria dall’Asp 8,  attraverso iniziative collaterali, atte a prevenire situazioni di pericolo per i soggetti a rischio, quali prevalentemente gli anziani, che durante la bella stagione rimangono spesso vittime oltre che del caldo della solitudine. Per evitare colpi di calore e consentire di rinfrescarsi lungo le vie della città, De Simone  consiglia di provvedere, di concerto con la Siam,  alla verifica del funzionamento delle fontanelle pubbliche ed alla riparazione di quelle malfunzionanti, specie all’interno dei giardinetti pubblici. Considerando la non potabilità dell’acqua dei rubinetti, inoltre,  propone di predisporre l’installazione di alcuni erogatori di acqua da bere, o di coinvolgere le associazioni di Protezione civile per assistere i passanti  nei punti nevralgici della città. Bisognerebbe anche assicurarsi dell’efficienza degli impianti di climatizzazione nei centri geriatrici diurni che,  per chi non può permettersi il condizionatore a casa, dovrebbero fungere da oasi di refrigerio.

I servizi sociali, poi, facendo leva sul volontariato, potrebbero predisporre delle visite domiciliari a casa di quelle persone che non possono contare sulle cure dei familiari per svolgere mansioni all’esterno delle loro abitazioni (fare la spesa, pagare le bollette, visite mediche),  evitando poi di dare le notizie di decessi evitabili. “Vogliamo continuare ad indirizzare la pubblica amministrazione verso la  tutela dell’interesse collettivo, specie quello delle fasce sociali prevalenti e maggiormente esposte ai rischi alla salute ed al disagio sociale – commenta De Simone -. Non possiamo, dunque, non suggerire, considerato l’allarme canicola lanciato per i prossimi giorni dalle stazioni metereologiche italiane, un piano anti-caldo a favore degli anziani della nostra città, che secondo gli indici demografici, riferiti all’anno in corso, in tutto il siracusano sarebbero 141,5 ogni 100 giovani. Naturalmente, sempre e soltanto, nell’ottica della partecipazione, in nome della quale siamo stati riconosciuti formalmente dal Comune di Siracusa, nella persona del suo sindaco in carica,  nonostante nei fatti  le nostre proposte rimangono fino ad oggi lettera morta o mutuate senza menzione.  Un  po’ come accade   per i  prodotti  originali che vengono, poi,  proposti in confezioni diverse da quelle autentiche,  ma la cui sostanza  al netto è la stessa, magari dal sapore rarefatto – in conclusione  De Simone non rinuncia a fare  un’osservazione sui  mancato riscontri ottenuti dall’ente municipale -.  Tuttavia, al di là della paternità delle idee, ciò che contano sono i fatti e le azioni a favore della collettività”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: