ULTIM'ORA

Siracusa, Castagnino: “Business dietro la spiaggia di Cala Rossa?


spiaggia_calarossa_-_siracusatimes

immagine di repertorio

News Siracusa.Era il 2 gennaio quando avevo sottolineato all’amministrazione comunale la pericolosità della scalinata della spiaggia di Cala Rossa” – dice il consigliere di Siracusa Protagonista con Vinciullo, Salvo Castagnino (leggi qui).

Come si notava ad occhio nudo – prosegue Castagninola scalinata della spiaggia di Cala Rossa, sita a Lungomare d’Ortigia versava in un chiaro stato di abbandono. Gli scalini che permettono l’accesso all’ingresso della spiaggia erano chiaramente pericolosi e terminavano a distanza di più di un metro e mezzo dalla battigia”.

L’amministrazione, nell’immediato, a pochissime ore dalla mia comunicazione – sostiene il consigliere di opposizione – chiuse l’accesso alla spiaggia di Cala Rossa <promettendo> la futura messa in sicurezza. Sono trascorsi bel due mesi dalla mia segnalazione ma oltre a chiudere l’accesso non è stata attuata nessuna opera di messa in sicurezza della scalinata”.

L’obiettivo della mia segnalazione – precisa Castagnino non è mai stato quello di negare un accesso al mare ma di adeguarlo alla norma consentendone il costante accesso a quella che è una delle spiagge più frequentate di Siracusa e che è stata segnalata, a livello internazionale, come uno dei litorali più belli del territorio”.

Una spiaggia che darebbe la possibilità ai cittadini di fruire dell’accesso diretto al mare – sottolinea il consigliere di Siracusa Protagonista con Vinciulloqual’ora l’amministrazione decidesse di pianificare la messa in sicurezza. Alla mia segnalazione seguì, a distanza di pochissimi giorni, un’istanza di autorizzazione (con protocollo n.186) al ripristino della zona fatta da un coordinamento cittadino che chiedeva l’autorizzazione per procedere alla messa in sicurezza della scalinata consentendo, così, l’apertura del varco”.

Ad oggi a quella richiesta non è seguita nessuna risposta tanto è vero che in data odierna lo stesso coordinamento ha chiesto una riapertura del cancello d’accesso a Cala Rossa rinnovando la richiesta già formulata due mesi addietro. L’amministrazione, però, continua a rimanere sorda davanti a queste richieste dettate direttamente dai cittadini.  Mi chiedo come mai l’amministrazione, a seguito della mia segnalazione, ha proceduto solo alla chiusura del cancello d’accesso ma non al ripristino della scalinata per consentire l’accesso al mare” – continua puntando il dito Castagnino .

Chiederò un accesso agli atti – conclude Salvo Castagninoe la verifica di quanto si sta pianificando per una della spiagge più particolari e suggestive del nostro territorio, rimasta una dei pochi tratti balneari pubblici ai quali i cittadini possono accedere gratuitamente. L’unica reale preoccupazione, a questo punto, è che questa spiaggia possa divenire una fonte di business per privati a discapito dei diritti dei cittadini. La mia analisi non si fermerà alla semplice lettura di due istanze presentate dai cittadini ma andrò oltre sostenendo qualsiasi battaglia necessaria per garantire che la spiaggia di Cala Rossa resti pubblica e non privatizzata”.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: