ULTIM'ORA

Siracusa. C.C. Ortigia: sconfitta in casa contro il Verona


News Siracusa: una buona Ortigia tiene la scia del forte Verona per tre tempi e poi paga ritmi e pressing degli ospiti. Alla “Paolo Caldarella” finisce 11 a 5 con gli scaligeri che non concedono quasi nulla ai volenterosi siracusani.

Oltre trecento gli spettatori arrivati per l’occasione. In tribuna anche il tecnico del Siracusa calcio Andrea Sottil che prima del fischio di inizio si è soffermato con il suo “collega” Gino Leone.

Primo tempo a ritmi lenti anche se Baldineti chiede ai suoi di partire forte e imporre, da subito, la supremazia in acqua. Così sembra fino al sesto minuto grazie alle tre reti realizzate in sequenza. A rompere il ghiaccio ci pensa proprio Valentino Gallo, siracusano e mai dimenticato prodotto del vivaio biancoverde. Poi ci pensano Mirarchi e il capocannoniere Petkovic a mandare gli ospiti sul +3. La reazione dei siciliani, che non riescono a sfruttare le superiorità, è affidata a Ivovic e Di Luciano entrambi a segno per il momentaneo 2 a 3.

Un cliché che si ripete nel secondo quarto con i veronesi a segno ancora tre volte e con Cusmano che contribuisce a tenere a galla i locali. I siracusani concedono troppo in avanti, sprecando le superiorità concesse dalla coppia arbitrale.

Nel terzo tempo l’Ortigia prova a scuotersi dalle marcature asfissianti che, in qualche caso, tengono i biancoverdi lontani dall’ottimo Lazovic. Un parziale di 2 a 2 rincuora i siciliani che tengono ancora la scia.

Sono gli ultimi colpi di una partita che si chiude con un quarto parziale di 3 a 0 per i veronesi. Ora attenzioni rivolte a Genova dove mercoledì prossimo l’Ortigia affronterà il Quinto.

“Buoni i primi tre tempi. Abbiamo pagato la forza fisica del Verona. Il loro è stato un pressing asfissiante. Forse abbiamo pagato i troppi errori in superiorità. Abbiamo preso tante espulsioni e questo significa che abbiamo costruito tanto – ha commentato Gino Leone. Volevo delle risposte in vista del Quinto. I ragazzi hanno risposto bene con la testa e con la volontà di giocarsela. L’ultimo tempo è stato figlio della stanchezza ma abbiamo tenuto bene mentalmente la partita. Anche in difesa abbiamo tenuto bene e i ragazzi sono usciti con sensazioni positive da questa partita”.

“Qui trovo sempre buone sensazioni. Qui ho mosso le prime bracciate. È sempre una emozione – ha detto invece Valentino Gallo del BPM Verona. Noi stiamo caricando in vista dei play off. Noi ci crediamo perché vogliamo provare a limitare il gap tra le due squadre. Il Recco è la favorita ma vogliamo giocarcelo fino alla fine questo torneo”.

 

 

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: