ULTIM'ORA

Siracusa. Blitz Carabinieri nell’edilizia, Filca Cisl: “inaccettabile il 50% di lavoro nero nei cantieri”


Cantiere edile siracusa times

News Siracusa: «Plauso agli uomini dei Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale. Inaccettabile il 50% di lavoro nero scoperto nei cantieri controllati.» Questo il commento del segretario generale della Filca Cisl Ragusa Siracusa, Paolo Gallo, all’operazione condotta dai militari dell’Arma in più cantieri della provincia aretusea (Leggi qui).

“I dati forniti sono veramente inaccettabili – ha continuato Gallo – Il ricorso all’impiego di lavoratori in nero lede i diritti sacrosanti di queste persone e, soprattutto, mette in serio pericolo la loro stessa incolumità fisica. Abbiamo sempre ribadito che la regolarità contrattuale è un investimento per le aziende. Lo è per la loro qualità, lo è per la sicurezza nei cantieri”. All’operazione siracusana non è mancato il commento del segretario generale regionale della Filca Sicilia, Santino Barbera.

“Il fenomeno resta purtroppo evidente – ha commentato, da Palermo, Barbera – Ben vengano questi controlli e questi provvedimenti di sospensione. Le attività imprenditoriali non possono pensare di guadagnare sulla pelle e sui diritti di questi lavoratori. La gravità di quanto, ancora una volta, scoperto dai carabinieri, ci offre uno spaccato assai preoccupante. Non possiamo tollerare tutto questo, non può tollerarlo una terra, come la Sicilia, dove il lavoro deve tornare a essere un sacrosanto diritto”.

 “Una piaga, quella del lavoro nero, – ha aggiunto il segretario nazionale della Filca Cisl, Salvatore Scelfo – che continua ad affliggere il mondo del lavoro e di quella imprenditoria sana che, invece, rispetta le regole. Nulla e niente possono giustificare il ricorso a questo odioso e perverso sistema. Guardiamo ai diritti e alla sicurezza; l’operazione di Siracusa dimostra che vengono messi in discussione entrambi”.

Si aggiunge anche il commento di FILLEA-CGIL Siracusa che oltre a ringraziare le forze dell’ordine non si ritiene certo meravigliata della operazione, anzi. “Si tratta della traduzione pratica di quel che denunciamo spesso. Dal canto nostro, solo nell’ultimo mese abbiamo provveduto a 2 segnalazioni all’ispettorato del Lavoro e due segnalazioni di anomalie contributive ad altrettante stazioni appaltanti pubbliche. Aumentare pressing ed il controllo del territorio, il passo successivo è la reale cooperazione tra gli enti istituzionalmente preposti al controllo e gli Enti Bilaterali dell’Edilizia a supporto”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: