ULTIM'ORA

Siracusa. Bando raccolta rifiuti solidi urbani, il gruppo consiliare del Pd chiede all’Urega una riunione urgente


nuove adesioni al Pd, registrati i consiglieri Caldarela e Inturri siracusa times

News Siracusa: “Una buona e virtuosa pratica amministrativa non dovrebbe essere inficiata dagli organismi che, in grado di accelerare o rallentare talune decisioni, sono chiamati piuttosto a coadiuvarla. Ci riferiamo in particolare alla vicenda del bando di gara per l’ affidamento della raccolta dei rifiuti solidi urbani. L’amministrazione ha pubblicato il relativo bando il 17 dicembre del 2014, ma, ad oggi,  non ne è stato, per vari motivi burocratici,  amministrativi e giudiziari,  ultimato l’ iter”: a renderlo noto è il gruppo consiliare del PD di Siracusa.

“Fra le altre cose, nel frattempo, è scoppiata  una emergenza rifiuti di carattere regionale, che ha costretto l’amministrazione  ad adottare celermente taluni provvedimenti tra cui il rimpinguamento  della raccolta differenziata. Com’è noto, la raccolta differenziata, oltre ad essere uno dei capisaldi del bando di gara,  figura tra gli obiettivi principali della Giunta Garozzo”.

“Si è innescato,  pertanto,  un meccanismo che imporrebbe l’ accelerazione dell’iter propedeutico all’ individuazione della società aggiudicataria. Invece, come si è comportata la commissione dell’ UREGA? Si è riunita  il 21 luglio scorso per decidere, irresponsabilmente,  di rivedersi il prossimo 5 settembre”.

“In questo momento, con le difficoltà che ci sono, sarebbe stato utile, avere già individuato la società vincitrice dell’appalto, in modo da affidare prontamente  il servizio. Pertanto , valutata la situazione, il gruppo consiliare del PD chiede che venga convocata al più presto la commissione della UREGA per analizzare le offerte e fare in modo che l’amministrazione comunale possa al più presto mettere in atto i propri buoni propositi”.

“Di fronte a situazioni di una certa gravità, non si può stare ad aspettare solo perché c’è di mezzo il mese di  agosto – concludono.  Si ricorra, dunque, a rimedi più efficaci, mettendosi a disposizione della collettività e anticipando la convocazione al 5 agosto piuttosto che  al 5 settembre”.

 

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: