ULTIM'ORA

Siracusa. Area del nuovo Ospedale, ultimatum di Vinciullo, Castagnino e Alota: “attendiamo la decisione entro settimana”


vinciullo castagnino alota siracusa timesNews Siracusa: ultimatum di Vinciullo, Castagnino e Alota. Ancora una settimana di tempo per decidere le sorti del nuovo ospedale, in particolare dell’area dove sorgerà il nuovo nosocomio. “Abbiamo letto il Comunicato stampa del Presidente della Commissione Urbanistica con il quale lo stesso Presidente comunica che entro questa settimana la Commissione deciderà” (leggi qui).

Dato che, siamo abituati a credere nella parola degli uomini e non siamo interessati a ritorni mediatici, siamo disponibili ad aspettare un’altra settimana – spiegano Vinciullo, Castagnino e Alota – .Ricordiamo però al Presidente della Commissione che non è passato solo un mese, in quanto la proposta degli uffici è pervenuta in data 3 maggio, oggi siamo al 4 luglio e quindi sono passati due mesi.

“Due mesi sono ben poca cosa rispetto all’eternità, ma sono un lasso di tempo infinito quando il finanziamento è già arrivato e sta per essere dirottato verso altre province che hanno sia l’area che i progetti già pronti. Siamo dell’avviso – hanno proseguito Vinciullo, Castagnino e Alota – che non sarà una settimana a pregiudicare il futuro dell’ospedale di Siracusa e quindi abbiamo deciso di interrompere le azioni di protesta che avevamo organizzato per questa mattina, nella speranza che la Commissione Consiliare sarà conseguenziale”.

“Circa lo stupore – ha continuato l’On. Vinciullo – vero è che sono stato all’incontro in Commissione, ma è anche vero che mi era stato detto che già la scorsa settimana avrebbero deciso.Questa mattina, il Presidente della Commissione mi ha spiegato le ragioni della mancata decisione (assenza del segretario verbalizzante) e la cosa ci ha tranquillizzato.Sia chiaro però, hanno concluso Vinciullo, Castagnino e Alota, che l’Amministrazione Comunale entro il 15 agosto deve necessariamente deliberare, altrimenti il rischio certo e concreto è che si perdano definitivamente i finanziamenti”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: