ULTIM'ORA

Siracusa: “Ancora disponibili i fondi europei per l’Istituto Quintiliano”, lo dichiara l’On. Vinciullo


onorevole vinciullo disponibili i fondi europei per l'istituto quintiliano siracusa times

Liceo Statale Polivalente Quintiliano – Siracusa

News Siracusa: sono oltre 400 i progetti che potranno essere finanziati nella regione Sicilia grazie ai fondi europei. Nello specifico l’Istituto Quintiliano avrà ancora la possibilità di usufruire del finanziamento di 700 mila euro e di investire l’importo per la ristrutturazione e riqualificazione dell’edificio scolastico. Previsione in contrasto rispetto a ciò che si credeva in precedenza (leggi qui).

Il finanziamento ad oggi risulta comunque essere in bilico. Non vi è alcuna revoca ufficiale da parte del Ministero e della Regione Siciliana, ma si dovrà provvedere al più presto a predisporre tutti gli atti per andare in gara, in modo tale da non perdere la priorità acquisita. Se necessario il dirigente scolastico dell’Istituto potrà ricorrere al supporto dell’Ufficio Tecnico Comunale poichè l’edificio risulta di proprietà dell’Amministrazione Comunale di Siracusa.

Ad affermarlo l’Onorevole Vinciullo che a tal proposito aggiunge: “Sabato mattina terrò una conferenza stampa e, documenti alla mano, dimostrerò quali finanziamenti sono andati perduti definitivamente, quali si possono ancora salvare e quali, invece, sono sulla linea del traguardo. Nel frattempo, tutti i dirigenti scolastici che avessero difficoltà, sono invitati a mettersi in contatto con l’Ufficio Edilizia Scolastica della Regione per farsi aiutare a sbloccare le procedure. Invito, altresì, i Sindaci della provincia di Siracusa, ad istituire nei propri Uffici tecnici una task force per aiutare i Dirigenti scolastici e gli Amministratori locali ad attivarsi, con la dovuta celerità, per evitare la perdita di questi finanziamenti, che sono indispensabili, alla luce delle pessime condizioni in cui si trovano numerosi edifici scolastici della provincia di Siracusa, con i nostri figli che rischiano quotidianamente, insieme ai docenti, la loro incolumità”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: