ULTIM'ORA

Siracusa. Al via il 30 settembre l’ Ortigia Sailing Cup


scugnizza

News Siracusa: dal 30 settembre, e fino al 2 ottobre si svolgerà la regata d’altura, Ortigia Sailing Cup, organizzata dal Club Nautico Ortigia, con il patrocinio dell’Area Marina Protetta del Plemmirio e del Comune di Siracusa. La prima edizione coincide con l’avvio delle celebrazioni per i duemilasettecentocinquant’anni dalla Fondazione della città di Siracusa.

A precedere la partenza della gara, venerdì 30 settembre alle 9,30, al Foro Italico, ci sarà un omaggio alla città a cura dei docenti dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico. La performance coinvolgerà una sessantina di bambini e studenti siracusani tra i 5 e i 20 anni, allievi della Sezione Fernando Balestra.  La performance è a cura di Michele Dell’Utri, con Attilio Ierna, Doriana La Fauci ed Elena Polic Greco, drammaturgia di Giusi Norcia. Testimonial della manifestazione, che apre le celebrazioni per i 2750 dalla Fondazione di Siracusa, sarà l’attore Enrico Lo Verso.

Tra le imbarcazioni iscritte all’Ortigia Sailing Cup, c’è Scugnizza di Enzo de Blasio che a luglio si è aggiudicata, in Grecia, il campionato Europeo Orc, l’unico titolo che ancora mancava nel suo palmares. Lo scafo napoletano, portacolori del Circolo Canottieri Napoli, ha vinto due volte il titolo iridato ad Helsinki nel 2012 e ad Ancona nel 2013 e quello italiano nel 2012.

Le barche partiranno alle 10 dal Porto Grande di Siracusa e veleggeranno per 135 miglia, toccando la Riserva naturale Ciane e Saline , l’ Area Marina Protetta del Plemmirio, la Riserva naturale orientata di Vendicari e l’ Area Marina Protetta Isole Ciclopi. Sfioreranno anche tre Tonnare (Tonnara di Vendicari, di Marzamemi e di Porto Palo) e sei Fari (Capo Murro di Porco, Cozzo Spadaro, Capo Passero, Capo Santa Croce, il Faro di Catania e quello di Capo Mulini).  La regata è organizzata dal Club Nautico Ortigia, in collaborazione con la Lega Navale Italiana, i Circoli Ribellino, Lakkios, Aretusa, sotto l’egida della Federazione Italiana Vela e dell’Unione Vela d’Altura Italiana.

Non sono poche le insidie che i velisti dovranno fronteggiare, come le bolle di vento. Ma in questa regata le criticità saranno i bassi fondali in prossimità dell’isoletta di Vendicari e di Capo Santa Croce, senza dimenticare il passaggio in notturna vicino ai faraglioni di Acitrezza.

Oltre alla partenza, il Porto di Siracusa sarà anche il traguardo intermedio e finale della gara. Questo permetterà agli spettatori di assistere al passaggio delle imbarcazioni e, grazie agli schermi posizionati alla Marina, lo storico “passeggio”, sarà possibile seguire l’andamento della competizione.

Importante anche il contributo fornito dagli sponsor. “Circoli velici, ristoratori, albergatori stanno infatti mettendo a disposizione tutto quello che necessita per organizzare una competizione di questo calibro – spiega la coordinatrice del progetto Ortigia Sailing Cup, Concetta Carbone –  Questo ci ha consentito di realizzare un evento importante in poco tempo”.

il Foro Italico continuerà ad essere il cuore della manifestazione: all’interno dei Magazzini di Torre dell’Aquila sarà possibile visitare la mostra, “Racconti di vento e di mare”.  E sempre nei locali messi a disposizione dal direttore del Museo Bellomo, Lorenzo Guzzardi, giovedì 29 settembre alle 19, dopo il saluto delle autorità, verrà proiettato il Docufilm “Traversata” dedicato all’equipaggio di Ottovolante, l’imbarcazione siracusana che lo scorso anno partecipò ai mondiali di Vela in Spagna. Nell’equipaggio, insieme ad alcuni skipper siracusani, due migranti, Elias Orjin e Muhamed Sabaly, giunti sulle coste siciliane a bordo di barconi fatiscenti.

Presso la Chiesa di Santa Lucia alla Badia di Siracusa, per tutta la durata dell’evento sportivo, sarà possibile visitare la mostra,  “Mattia Preti – con lo sguardo verso Caravaggio”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: