ULTIM'ORA

“Siracusa: 2750 anni di storia”. Questo il progetto redatto dall’Istituto Comprensivo “Lombardo Radice”


LRadice3Notizie a Siracusa“Siracusa: 2750 anni di storia”. Questo il progetto redatto dall’Istituto Comprensivo “Lombardo Radice” e presentato stamattina, dal dirigente scolastico Sebastiano Rizza, al sindaco Giancarlo Garozzo e all’assessore alle Politiche scolastiche Valeria Troia in visita alla scuola di via Archia.

Il dirigente scolastico, presenti il presidente del Consiglio di Istituto Prospero Dente, le referenti del corpo docente per i tre ordini Francesca Penna, Corrada Minardi ed Edda Cancelliere, una delle mamme, autrice del progetto grafico, Rosi Sirone, e il consigliere comunale Fortunato Minimo, ha ripercorso le fasi progettuali alla base dell’iniziativa.

«Un evento straordinario – ha commentato il preside Rizza – a cui l’Istituto Comprensivo “Lombardo Radice” vuole dare la giusta rilevanza con un percorso educativo e didattico volto a favorire e rivalutare la conoscenza della storia e della cultura della nostra Città. L’obiettivo è quello di risvegliare nei nostri piccoli cittadini una coscienza civile e sociale tale da renderli consapevoli e responsabili del proprio destino e della realtà in cui oggi vivono e, domani, opereranno.»

Il Progetto, forte della mission che punta ad un coinvolgimento attivo e ad una piena corresponsabilità educativa, si rivolge a tutti gli alunni dei tre ordini di scuola dell’Istituto (infanzia, primaria e scuola secondaria di primo grado), ai loro genitori e ai nonni, chiamati a dare il loro prezioso contributo di memoria storica.

«Solo attraverso la conoscenza – hanno aggiunto le insegnanti – è possibile coltivare l’amore per la propria Città, il cui patrimonio archeologico, storico, artistico, paesaggistico, culturale e scientifico è riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo; non a caso, nel 2005, Siracusa è stata insignita del titolo di “Patrimonio dell’Umanità” da parte dell’Unesco.»

La prestigiosa Siracusa viene dunque scoperta piano piano, i bambini piccoli iniziano da canti e filastrocche, i più grandi si avvicinano gradualmente alla conoscenza dei monumenti e dei siti archeologici, si lasciano coinvolgere dal teatro greco, affiancano allo studio della storia nazionale e internazionale quella siciliana e siracusana, creando un collegamento costante tra globale e locale. Insomma, tutte le discipline curriculari concorrono ad approfondire, scoprire e sperimentare la ricca storia di Siracusa, il cui poliedrico sostrato ha lasciato una traccia importante nella nostra cultura e nella nostra società.

Studiare le origini, dalla cultura magnogreca alle dominazioni arabe e spagnole, per arrivare alla nascita del nostro Polo e all’attuale era post industriale, sarà per gli allievi e le loro famiglie l’occasione per stimolanti riflessioni. Siracusa ha la necessità di avviare una politica economica che potenzi l’interesse occupazionale nel settore turistico, e ciò non è possibile senza un’educazione al rispetto e alla valorizzazione del nostro patrimonio artistico, paesaggistico e storico.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: