ULTIM'ORA

Sicilia, Vinciullo sul licenziamento dei 56 lavoratori ARAS: “il Governo si sottrae al confronto”


Vincenzo Vinciullo siracusa timesNews Sicilia: “Questa mattina, ancora una volta, l’Assessorato dell’Agricoltura si è sottratto, in Commissione Bilancio, al confronto con il Parlamento, relativamente al licenziamento di 56 lavoratori, nonostante ieri il Commissario dell’ARAS, in un incontro presso l’Ufficio per l’Impiego di Palermo, abbia ribadito la volontà di procedere al licenziamento dei lavoratori”. A parlare è l’On. Vincenzo Vinciullo, Presidente della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ all’Ars che torna a parlare della vicenda ARAS dopo aver richiesto, mesi addietro, la revoca della procedura di licenziamento collettivo (leggi qui).

“Premesso che – prosegue Vinciullo è insopportabile come, oltre all’Assessore, si sottrae al confronto col Parlamento anche il suo Dirigente Generale, quello che viene, ancora una volta, fuori è una situazione paradossale, dove da una parte il Commissario dichiara di dover licenziare perché non ha le risorse per pagare i lavoratori e dall’altra parte emerge, dal riscontro dei contributi ancora da erogare, che l’ARAS ha diritto ad avere ulteriori risorse da parte della Regione e in particolare: quasi 93 mila euro per il 2013, quasi 410 mila euro per il 2014, 483 mila euro per il 2015 e quasi 750 mila euro per il 2016″.

“È chiaro – continua l’On. Vinciulloche questa situazione è intollerabile e insopportabile, anche in considerazione che i lavoratori, da mesi, non percepiscono lo stipendio e a soffrire le conseguenze saranno, di qui a qualche mese, anche gli allevatori, che non potranno percepire i contributi da parte dei Comuni. Se alle volte i vari esponenti del Governo avessero la bontà di partecipare ai lavori d’Aula, forse creerebbero meno problemi ai cittadini di quanti ne creano continuando ad occupare i vari Assessorati.

“Ciò posto – dichiara l’Onorevole – quello che emerge è che il Parlamento non solo ha fatto sempre il proprio dovere nei confronti degli allevatori e dell’ARAS ma, addirittura, ha impegnato più risorse di quelle che l’Assessorato è riuscito a programmare e spendere, un esempio è la disponibilità di ulteriori 1,4 milioni a favore sempre dell’ARAS, stanziati a fine anno e che rischiano anch’essi di essere destinati ad altre finalità”.

“Pertanto – conclude l’On. Vinciullo o l’Assessorato cambia atteggiamento sulla vicenda, oppure sarebbe giusto e opportuno che si dimettessero tutti i responsabili di questa situazione intollerabile, perché in Sicilia deve finire non solo l’età dei privilegi, ma anche quella in cui gente che non fa il proprio dovere occupa posizioni apicali, non nell’interesse della collettività, ma per creare problemi al popolo”.

Sicilia, Vinciullo sul licenziamento dei 56 lavoratori ARAS: “il Governo si sottrae al confronto”

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: