ULTIM'ORA

Sicilia, Siracusa: concorso apertura farmacie bloccato, Tar Palermo accoglie ricorso su criteri di valutazione


farmacia logo siracusa timesNews Sicilia: tutto fermo per  i lavori del concorso straordinario in Sicilia per l’apertura di nuove farmacie. Un’altra volta, ma questa volta per un ricorso, al momento accolto al Tar, che contesta i criteri di valutazione dei titoli e quindi dei punteggi per il posizionamento in graduatoria. Ma i concorrenti idonei annunciano già un possibile ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa per revocare l’ordinanza.

Niente da fare quindi per le 222 nuove farmacie nella regione siciliana, di cui ben 17 solo a Siracusa. Ha così deciso il Tar di Palermo perché “non sono stati esaminati correttamente i criteri valutativi”, una scelta solo apparentemente singolare e certamente sollecitata dal ricorso presentato da due aspiranti farmacisti finiti fuori dagli spazi utili.

I due, che hanno preso parte a due differenti concorsi, uno tenutosi in Sicilia e l’altro in Emilia Romagna, dalla pubblicazione delle graduatorie del concorso, avvenuta solamente lo scorso febbraio, hanno ottenuto un risultato tristemente sorprendente. Pur avendo infatti mostrato gli stessi titoli e requisiti, si sono classificati con uno scarto di oltre 200 posizioni tra una graduatoria e l’altra. Gli esiti della selezione emiliana vedevano i due partecipanti comparire tra i primi cento piazzamenti mentre in quella siciliana i due si sono curiosamente classificati oltre la trecentesima posizione. Un esito che ha suscitato evidenti perplessità e che ha indotto i farmacisti a presentare un immediato ricorso.

La selezione incriminata, risalente al 24 dicembre 2012, sarebbe stata indetta a seguito delle modifiche apportate dalle liberalizzazioni effettuate dal governo Monti che prevedevano la presenza sul territorio di una farmacia ogni 3.300 abitanti e non più, dunque, una ogni 4.000, modificando così il quorum demografico.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: