ULTIM'ORA

Sicilia, Palermo: le irrevocabili dimissioni di Lucia Borsellino. Il presidente Crocetta prende tempo e nomina una commissione di saggi


lucia borsellinoNews Palermo: Lucia Borsellino dice mai più alla politca e abbandona Palazzo D’Orleans. Come aveva lasciato intendere alcuni giorni, la figlia del giudice Paolo Borsellino ucciso nella strage di via D’Amelio, si è dimessa dall’incarico di assessore regionale alla Sanità in Sicilia. Ieri una lettera inviata al presidente della Regione, Rosario Crocetta, che annuncia il suo ufficiale ritiro dopo i fatti riguardanti l’arresto del primario dell’ospedale Villa Sofia Matteo Tutino, medico personale del governatore Crocetta, accusato di truffa aggravata e peculato.L’ultimo caso di malasanità dopo la morte della piccola Nicole, nella clinica Gibiino di Catania la mancanza di un posto nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale. Diversi, gravi episodi che hanno portato Lucia Borsellino a dimettersi dal suo incarico.

E dopo l’addio, il Presidente Crocetta prende tempo, nominando una commissione di saggi che lo affiancherà nella gestione ordinaria. Di questo organismo farà parte Antonio Candela manager dell’Asp di Palermo che manterrà in questa fase il doppio incarico. Saranno, altresì, presenti figure di primo piano della sanità siciliana come Bruno Gridelli (direttore dell’Ismett), Francesco Basile (preside della Facoltá di Medicina presso l’Universitá di Catania e componente del cda dell’Istituto Superiore di Sanità), Gaspare Gulotta (direttore della scuola di specializzazione in chirurgia generale presso l’Università degli Studi di Palermo), Marco Restuccia (direttore generale del Policlinico di Messina) e il Ragioniere generale della Regione Salvatore Sammartano, il quale è già stato direttore dell’assessorato.

 

 

 

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: