ULTIM'ORA

Sicilia, Palermo: ieri sit in di protesta degli ex lavoratori Federico Musei, Novamusa e I Luoghi dell’Arcadia


protesta lavoratori filcams siracusa times

News Palermo: si è tenuto ieri, davanti i locali dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, il sit in degli ex lavoratori Federico Musei, Novamusa e I Luoghi dell’Arcadia, già impegnati nello svolgimento di servizi aggiuntivi nelle aree archeologiche e museali della Regione Siciliana di Palermo, Trapani, Agrigento, Caltanissetta, Siracusa e Messina, e in attesa di essere ricollocati attraverso il bando che assegna tali servizi a Munus Srl, Società Cooperativa Culture e Civita Srl.

La Filcams Cgil Sicilia, che ha indetto il sit in, è stata ricevuta questa mattina, insieme ad una delegazione di lavoratori, dal Capo di Gabinetto e dal Direttore Generale dell’Assessorato, i quali hanno assicurato che il rispetto della clausola di salvaguardia è un obbligo per le aziende che andranno a sottoscrivere i contratti per l’appalto dei servizi aggiuntivi per i siti archeologici e museali della Regione Sicilia.

Per tale ragione, l’Assessorato vigilerà affinché vi sia il pieno rispetto di tutte le norme, dichiarandosi disponibile sin d’ora ad intervenire qualora le tre aziende aggiudicatrici del bando, per le assunzioni, non dovessero attingere, così come prevede il bando stesso, al bacino degli ex lavoratori Federico Musei, Novamusa e I Luoghi dell’Arcadia.

“Siamo soddisfatti dell’esito dell’incontro odierno, nonché degli impegni assunti dall’Assessorato, – dichiarano Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil Palermo, e Stefano Gugliotta, segretario generale Filcams Cgil Siracusa – a partire da quello di fornire costanti aggiornamenti rispetto al completamento dell’iter burocratico per ciascuna assegnazione. Questo, infatti, ci consentirà di potere intervenire tempestivamente affinché le lavoratrici e i lavoratori riprendano al più presto la propria attività. Iter burocratico, peraltro, che sembra essere arrivato, finalmente, quasi al suo compimento”.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: