ULTIM'ORA

Sicilia: l’IPASVI davanti alla Commissione Affari Sociali e Sanitari per discutere sulla carenza del personale infermieristico


sanità Siracusa Times

News Sicilia: la VI Commissione Affari Sociali e Sanitari ha accolto e discusso le istanze del Coordinamento Regionale IPASVI, già promotore degli emendamenti alle linee di indirizzo regionali sulla questione della determinazione degli organici infermieristici nelle Unità Operative dei Presidi Ospedalieri del Sistema Sanitario Regionale e delle strutture private accreditate. La delegazione IPASVI ha avuto modo di confrontarsi con i parlamentari presenti e di avere delle risposte dall’assessore Borsellino, invitata all’audizione.

Si è ribadito che la regione Sicilia non ha investito sugli infermieri e infatti si posiziona tra le regioni più povere per quanto riguarda le risorse infermieristiche. Mentre, per quanto riguarda l’Italia, si colloca agli ultimi posti con un rapporto di 3.9 infermieri per mille abitanti, contro 8 x mille del Veneto e 12 x mille dei paesi OCSE per contro si registrano 2.600 disoccupati.

Il personale infermieristico che ha permesso l’incremento o l’apertura di nuove strutture è stato sottratto dalle corsie ospedaliere creando ulteriori carenze negli organici. Tutto ciò è stato dimostrato dallo sforamento del budget, dello straordinario con la reperibilità usata per sopperire all’ordinario e il cumulo di ferie pregresse. Si è chiesto di attenzionare il mancato inserimento dell’infermiere pediatrico nelle dotazioni organiche e di favorirne gli sbocchi occupazionali a vantaggio dei cittadini utenti. Inoltre, è stato denunciato l’attuale utilizzo di personale non qualificato, con contratto di operaio, che vicaria il personale di supporto.

L’assessore On. Lucia Borsellino ha confermato la volontà di rivalutare, in rialzo, i coefficienti del personale infermieristico e di supporto a seguito del Sit-in organizzato dal Coordinamento Regionale IPASVI lo scorso 3 giugno davanti all’Assessorato della Salute. L’On. Borsellino ha condiviso la nostra richiesta in merito all’adeguata considerazione del professionista infermiere e all’ulteriore investimento che si propone sia sul nuovo assetto organizzativo dei nosocomi che del territorio. In merito al personale di supporto ritiene necessario diversificare le competenze per ottimizzarne l’organizzazione.

I parlamentari On.li Nino Oddo e Stefano Zito hanno supportato le istanze dell’IPASVI: il primo ha manifestato una sensibilità particolare nel prendersi carico delle problematiche che affliggono la professione infermieristica, mentre Zito ha riaffermato l’impegno nei confronti della professione infermieristica, testimoniata da un disegno di legge presentato dal suo movimento, per mettere in chiaro la necessità strategica di puntare a una organizzazione dell’assistenza infermieristica che abbia una visione gestionale completa in ambito: ospedaliero, territoriale e formativo con un ulteriore riferimento all’inserimento dell’infermiere di famiglia nella presa in carico degli assistiti al proprio domicilio.

Durante l’incontro c’è stata una nota dolente: alla richiesta di un intervento urgente per la criticità ferie estive, ha risposto l’On. Fontana affermando che gli interventi sono diversificati per singola ASP e che la responsabilità nella loro autonomia è dei Direttori Generali.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: