ULTIM'ORA

Schiaccianoci: il giovane ballerino priolese Luigi Fido sarà il protagonista principale nel ruolo del principe


luigi-fido-siracusa-times

News Siracusa. Una stella danzante, nel panorama dell’arte siciliana, si evidenzierà il 6 dicembre nello spettacolo de “Lo Schiaccianoci” al teatro Città della Notte. Il giovane ballerino Luigi Fido, debutterà nel ruolo del protagonista principale del Principe. Luigi, classe ’99 vive a Priolo Gargallo, ha iniziato a studiare danza classica, moderna e contemporanea nel 2013 presso l’ a.s.d. “Studio Danza” a Priolo Gargallo. La passione per la danza è stata sempre chiara dentro di lui, anche se ne ha preso coscienza a 14 anni. Nel corso di questi 4 anni accademici ha partecipato a svariati  concorsi aggiudicandosi la maggior parte delle volte il podio, premi prestigiosi e varie borse di studio. Il 15 ottobre decide di partecipare alle audizioni per lo spettacolo de “Lo schiaccianoci” della compagnia “Siciliana giovani danzatori” superando brillantemente l’audizione. Lo spettacolo vede come direttore artistico il maestro Gianni Rosaci, già primo ballerino dell’Opera di Roma e talent scout della CodArts di Rotterdam assieme alla Maestra Ester Parisi, ballerina professionista specializzata nella tecnica contemporanea.

Abbiamo chiesto a Luigi di parlarci di questa sua emozionante avventura.

Cosa ti ha spinto a fare il provino per il protagonista principale dello Schiaccianoci?
Il provino alla quale ho partecipato- risponde con fierezza Luigi Fido- è stato voluto dalla mia voglia di fare esperienze in un campo nuovo per me, quello delle audizioni e delle compagnie di danza.

 

In quali caratteristiche ti rappresenti nel personaggio?
Nel personaggio che mi è stato assegnato, ovvero quello del principe, mi rispecchio e rappresento per la sua tenacia e voglia di realizzare a tutti costi un qualcosa al quale ho dato inizio.

 

Ti senti un po’ principe nella vita? Per quale motivo?
Si, mi sento un po’  principe nella mia vita. Ma non per la presunzione o la posizione sociale, bensì per i miei modi di fare e di essere. Questo mi è confermato dalle persone che ho accanto ed è anche grazie a loro che io mi sente principe nella quotidianità.

 

Quali emozioni provi ogni qualvolta che danzi e cosa vorresti trasmettere danzando nello Schiaccianoci?
Ogni qualvolta che ballo sto bene. In questa locuzione potrei agganciare mille motivazioni, ma per me basta questo per spiegare cosa provo durante il ballo e la realizzazione interiore che mi porta. La mia aspirazione principale ne “Lo schiaccianoci” è non deludere il pubblico; riproporrò al meglio la versione che sarà presentata dal Maestro Gianni Rosaci. Parlando di aspirazione emotiva, spero di trasmettere al pubblico la forza morale ed emotiva del ruolo che sto interpretando; nello stesso momento trasmettere a me stesso: felicità e gioia.

 

Un messaggio che vorresti lanciare a chi come te crede nella realizzazione dei propri sogni tramite la danza.
Non curatevi di nessuno, aspirate sempre in alto. Affidatevi a chi vi segue– conclude fermamente Luigi Fido- ad insegnanti o chiunque essi siano, l’importante e non dubitare mai del proprio lavoro. Non fatevi scoraggiare dalla gente esterna a questo mondo. Il mondo della danza è un territorio tanto bello quanto ostile.

 

“Luigi- aggiunge l’insegnante Carmen Andronico- è una continua scoperta ed ha tantissima voglia di studiare e andare avanti, sicuramente seguirà la sua passione per la danza con determinazione. Luigi ha molti pregi ed è un ragazzo sensibile, disponibile con gli altri e volenteroso spesso, però, è un po’ testardo. Questa esperienza gli darà modo di confrontarsi con gli altri, di mettersi in gioco e sopratutto assaporare quello che è il mondo della compagnia. Dovrà prendere il più possibile dai pregi e difetti di essere uno dei personaggi principali e farne tesoro perché ogni opportunità è sempre un passo avanti. Molti i programmi per il futuro, continuiamo a studiare, la strada è lunga. La prima fermata sarà la partecipazione ad un corso di perfezionamento per danzatori al teatro Golden di Roma”.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: