ULTIM'ORA

Pantelleria, il Comune vuole abbattere i tori allo stato brado: in 12500 si mobilitano sul web


TORI PANTELLERIA - siracusatimesNews Sicilia: a Pantelleria vivono allo stato brado alcuni tori, diventati ormai la mascot dell’isola. Ma non sono sempre vissuti allo stato selavaggio. Il loro padrone è morto sette anni fa, e da quel momento hanno vissuto nelle campagne di Pantelleria, le stesse distrutte dall’incendio di fine maggio: sono tre tori, che in qualche modo sono diventati un simbolo dell’isola. E proprio per il devastante danno subito dal loro habitat da qualche settimana hanno cominciato ad avvicinarsi alle abitazioni e alle persone, in cerca di cibo e di una nuova collocazione. Per questa ragione il Comune dell’isola ne ha deciso l’abbattimento, necessario per salvaguardare la pubblica incolumità. Uno degli animali è già stato eliminato.

Ma ora qualcuno ha prospettato l’alternativa: farli trasferire in una valle poco abitata dove ci sarebbero persone pronte a prendersene cura. Antonella Amato ha lanciato la petizione su change.org (clicca qui), e ha raccolto in pochi giorni dodicimilacinquecento firme, che adesso saranno consegnate al sindaco di Pantelleria Salvatore Gabriele.

Questo il testo nella petizione on line: Esiste un’alternativa. Quella che mai – quando si tratta di animali – viene presa in considerazione dalle autorità. Esiste una valle, isolata, dove potrebbero andare a vivere.Esistono persone che li ospiterebbero e se ne prenderebbero cura. Lì potrebbero continuare a vivere come han fatto finora, e come tutti gli animali vorrebbero e dovrebbero fare. Liberi. I tori di Pantelleria hanno bisogno di avere il nostro sostegno. Se tante voci si alzeranno, se tante mail e lettere arriveranno, potremmo forse riuscire ad aiutarli. Ad avere salva la vita. A non perdere la loro libertà. Oramai due soli tori, in quanto uno è stato abbattuto.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: