ULTIM'ORA

S.C. Palazzolo, interrotta la striscia di vittorie: contro l’Acireale finisce 1 a 1 ma è giallo sulla rete acese


Aglianò, estremo difensore gialloverde, in uscita alta subisce la spinta di un avversario acese

Aglianò, estremo difensore gialloverde, in uscita alta subisce la spinta di un avversario acese

News Palazzolo: è un pareggio a segnare l’apertura della nona giornata del campionato d’Eccellenza. Allo Scrofani Salustro, il punteggio del match di anticipo tra il Palazzolo e l’Acireale si inchioda sull’1 a 1.

Un parziale che sta decisamente “stretto” ai gialloverdi. I padroni di casa, infatti, recriminano un’irregolarità nell’azione che ha portato l’Acireale ad agguantare il definitivo pareggio. Un palese fallo non sanzionato ai danni del portiere Aglianò, avrebbe di fatto determinato la perdita del pallone dalla presa dell’estremo difensore, permettendo una diretta conclusione a rete della formazione ospite.

Durante l’intera ripresa, la formazione allenata da Pippo Strano pur attaccando strenuamente la porta avversaria e dimostrando un netto predominio territoriale, ha mancato l’appuntamento con il decisivo gol-vittoria.

I gialloverdi partono forte e, poco dopo il calcio d’inizio, sfruttando una serie di passaggi filtranti, si presentano all’interno dell’area avversaria con Carpinteri, che subisce un chiaro fallo da un difensore acese. Nessun dubbio per il direttore di gara che indica il dischetto dell’area di rigore granata. Dagli undici metri, Luca Strano realizza la sua settima rete stagionale spiazzando l’incolpevole Arcoria.

Al 23′ è Serrantino a ricevere da Filicetti e calciare verso la porta. Arcoria deve impegnarsi e distendersi in tuffo per evitare la seconda rete del Palazzolo. I gialloverdi, riescono a tenere a bada gli attaccanti granata e si rendono ancora pericolosi, poco prima della mezz’ora, sugli sviluppi di un contropiede.

Gli acesi, alle strette, non riescono quasi mai a sfondare, ma al 35′, un episodio dubbio cambia le sorti del match. Un cross dalla bandierina crea scompiglio in area gialloverde e Aglianò, in uscita alta, subisce una spinta che lo fa terminare a terra facendogli perdere il pallone. A porta praticamente sguarnita, è il difensore Zappalà a battere a rete di destro per il gol dell’1 a 1, tra le accese proteste della formazione di casa.

I gialloverdi, reagiscono bene alla rete subita e, al 44′, sfiorano ancora il gol con un gran sinistro dalla distanza di Carpinteri, che è bravo ad eludere la difesa dell’Acireale e a calciare forte sfiorando il palo. Un minuto più tardi, l’Acireale resta in dieci a seguito dei due gialli rimediati dal difensore Vittorio. Il Palazzolo raddoppierà la superiorità numerica poco più tardi, quando al 52′, per una parola di troppo ai danni di uno dei guardalinee, un altro giocatore granata, Millesi, lascerà in anticipo il rettangolo di gioco.

In 11 contro 9, per quasi tutto il secondo tempo, il tecnico Strano decide di sostituire Saraceno e Germano per Quarto e Miraglia. Proprio Miraglia, al 65′, si presenta palla al piede davanti al portiere avversario, che, con un pizzico di fortuna e l’aiuto di un compagno, riesce a fermare l’attaccante gialloverde impedendogli di calciare a botta sicura.

Il Palazzolo vuole a tutti i costi la vittoria, ma l’Acireale soffre bene, stringendo i denti e difendendosi sin dentro la propria area di rigore. Al 75′, per un ingenuo fallo commesso a centrocampo, il direttore di gara spedisce fuori dal campo, il gialloverde Quarto.

Nel finale, un Palazzolo a trazione anteriore, attacca a testa bassa senza trovare però la via del gol e piuttosto rischiando al 97′ di subire la rete del probabile K.O. Un tiro di Gatto impegna infatti Aglianò che, di piede, chiude lo specchio all’attaccante granata, sancendo, di fatto, il definitivo 1 a 1.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: