ULTIM'ORA

S.C. Palazzolo, il tecnico Strano fa il punto della situazione: “la squadra può recitare un ruolo importante”


allenatore_pippo_strano - siracusatimesNews Palazzolo Acreide: a pochi giorni dall’inizio del ritiro e della preparazione, che prenderà il via l’8 agosto, è il tecnico del Palazzolo Pippo Strano a fare il punto sull’organico messogli a disposizione dalla società iblea e a provare a cogliere quelli che sono gli elementi in grado di poter fare la differenza in un campionato (il suo secondo consecutivo in terra iblea) che si preannuncia molto bello e combattuto. Dall’alto della sua esperienza e forte della riconferma di quasi tutti i giocatori della passata stagione, da Filicetti e Calabrese fino a Nobile, Grasso e Fichera (che con lui avevano fatto molto bene), ma anche grazie all’arrivo di alcuni elementi di grande spessore come Cocimano, Concialdi, Chiavaro, Messina e Figura, l’allenatore etneo intende dar seguito con tutte le sue forze al lavoro già avviato, e, soprattutto, spera di poter fare un ulteriore passo in avanti rispetto allo sfortunatissimo esito dello scorso campionato, quando (dopo due incredibili “filotti” di vittorie ed una grande rimonta) quella maledetta giornata vissuta a Troina impedì ai gialloverdi di centrare i play-off e di sperare nella promozione.

“Abbiamo cercato di programmare nel migliore dei modi la nuova stagione agonistica sin dall’inizio dell’estate, – tiene a sottolineare Pippo Strano – ed il lavoro, che in linea teorica è stato evidente e pragmatico, prima o poi paga sempre. Confermando in blocco quelli che avevano fatto meglio e provando a mettere gli uomini giusti al posto giusto, – ha aggiunto – si è cercato di costruire una squadra completa, che, a mio avviso, può davvero recitare un ruolo importante. Bisogna ricordare, però, che nel dar vita al nuovo Palazzolo partendo da una base certa, abbiamo avuto delle credenziali importanti come i nomi di Graziano Cutrufo e Gigi Calabrese. Proprio insieme a loro, quando sono arrivato qui, lo scorso anno, ci siamo prefissati degli obiettivi ed una tabella di marcia che prevedeva il raggiungimento della serie D in tre anni. Ed è su questo che stiamo lavorando. Alla fine, come sempre, sarà il campo a dare il responso e quest’anno sono tante le squadre che, in base alle mosse delle ultime settimane, proveranno a primeggiare. Qualche mese fa siamo stati costretti a dare l’addio ai play-off in seguito ad una giornata-no, ma quest’anno, oltre che continuare a divertirci, – ha concluso mister Strano – vogliamo ottenere qualcosa di più”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: