ULTIM'ORA

S.C. Palazzolo beffato a Giarre: i gialloverdi in vantaggio fino all’88’ subiscono nei minuti di recupero la rimonta della formazione di casa


Un momento della gara del Provinciale tra Giarre e Palazzolo - foto lurlo (1)-min

News Palazzolo: si interrompe con una giornata da dimenticare la striscia di 11 risultati utili consecutivi per i gialloverdi. Una sconfitta in trasferta con il Giarre per 2 reti a 1 dura da accettare per gli uomini di Pippo Strano che, fino a meno di due minuti dal novantesimo conducevano meritatamente la gara grazie alla splendida rete, realizzata poco dopo la mezz’ora del primo tempo, di Luca Filicetti.

Un finale amaro dove qualcosa è andato storto per gli iblei che, dopo aver mancato il secondo gol in più di un’occasione, sono tornati a casa a mani vuote. Una sconfitta rocambolesca giunta al 95′ e dopo un rigore determinato dall’espulsione di Ricca.

“Una sconfitta che, considerando il cammino degli ultimi mesi, ci può anche stare – ha tenuto a sottolineare Gigi Calabresema che fa molto male per il modo in cui è arrivata. Dopo aver sfiorato il raddoppio in varie occasioni, infatti, abbiamo commesso l’errore di pensare incosciamente di poter gestire il risultato, e, anche se meritavamo ampiamente la vittoria, sia per la conduzione di gara che per le azioni costruite, loro, trovando il pari, hanno giocato i minuti di recupero sulle ali dell’entusiasmo riuscendo a vincere. In ogni caso – ha aggiunto il capitano del Palazzolo – siamo soltanto alla prima di ritorno e le possibilità di recuperare, per noi, ci sono tutte. E’ anche vero che la distanza dalle prime si è leggermente ampliata – ha concluso Calabrese ma l’incidente di percorso di ieri ci servirà da lezione e fra due giorni avremo subito modo di riscattarci e di provare a riavvicinarci alla zona play-off”.

I gialloverdi, che potranno cercare il riscatto già a partire dal match interno di sabato con il Viagrande, torneranno ad allenarsi già oggi pomeriggio mentre domani sosterranno la consueta rifinitura pre-gara.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: