ULTIM'ORA

S.C. Palazzolo a Capo D’Orlando con cinque assenze pesanti. Linares: “lotteremo fino alla fine per i play off”


palazzolo - siracusatimesNews Palazzolo Acreide: squadra al lavoro in vista della trasferta di domenica, che vedrà i gialloverdi di Pippo Strano affrontare il fanalino di coda Orlandina con la stessa determinazione e la grinta che, sabato scorso, si è vista nella gara interna vinta per 5 reti a 0 con il Messina dopo un primo tempo non facile. Al di là del fatto che, almeno sulla carta, l’impegno di Capo d’Orlando non appare dei più complicati, il Palazzolo (che potrà contare sul ritorno in campo di Luca Filicetti), dovrà far fronte a numerose assenze, vista la squalifica del difensore Massimo Nobile e del centrocampista Gigi Calabrese che si aggiungono a quelle degli infortunati Fichera, Germano e Saraceno.

Cinque giocatori molto importanti per la formazione iblea, che, comunque dovrebbero essere tutti a disposizione per la gara successiva, quella con il Taormina, che, nel caso in cui si dovesse tornare da Capo d’Orlando con i tre punti, rappresenterebbe una delle ultimissime chances per provare a riagganciare il treno play-off. Prima, però, bisognerà fare molta attenzione e restare concentrati sul match di domenica, come del resto sa bene anche il centrocampista siracusano del Palazzolo Mirko Linares, il quale, ogni volta che è stato chiamato in causa, si è sempre fatto trovare pronto dando il suo contributo alla causa gialloverde.

“Dopo le tre sconfitte che abbiamo subito all’inizio del girone di ritorno, – ha tenuto a sottolineare il centrocampista classe 1989 – il nostro cammino si è complicato parecchio e adesso non sarà per nulla facile rientrare tra le prime cinque, ma la determinazione e la voglia di giocarcela fino alla fine non ci mancheranno. Le nostre avversarie continuano a fare punti anche se, comunque, ci sono ancora moltissimi scontri diretti, – ha aggiunto – dunque non ci rimane che crederci pensando ad ottenere il massimo da ogni singola partita che ci separa da qui alla fine di aprile. L’Orlandina, naturalmente, non va sottovalutata in quanto sappiamo che nel calcio le partite possono sempre prendere qualsiasi piega, – ha concluso – quindi andremo là con grande determinazione e con un unico obiettivo, vincere”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: