ULTIM'ORA

Rosolini, 8 dosi di eroina nascoste in un bastone di una paletta per rifiuti. Arrestato spacciatore marocchino


NAK Mostafà cl- 1967

in foto: NAK Mostafà classe 1967

News Rosolini: l’eroina era nascosta in bastone cavo di una paletta per raccogliere i rifiuti. L’ingegno non è bastato per salvare il marocchino Nak Mostafà, classe 1967, dall’arresto dei Carabinieri per il reato di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. L’uomo da anni stabilmente residente in Italia, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia, attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Raccogliendo le segnalazioni di alcuni cittadini che hanno riferito di insoliti via vai di persone in alcune zone del paese, i Carabinieri hanno organizzato ieri un mirato servizio nel comune di Rosolini, con l’ausilio dei militari del Nucleo Cinofili Carabinieri di Nicolosi ed il supporto di militari in abiti civili, ponendo in essere una serie di perquisizioni finalizzate alla ricerca di sostanze stupefacenti. Nello specifico, nelle prime ore della mattinata hanno tratto in arresto in flagranza del reato Nak Mostafà.  L’uomo, a seguito di perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di 8 dosi di sostanza stupefacente del tipo eroina, per un peso complessivo di 4 grammi circa, ingegnosamente occultate all’interno del bastone cavo di una paletta per raccogliere i rifiuti.

I militari operanti hanno notificato a Nak Mostafà provvedimento di revoca di decreto di sospensione di ordine di esecuzione per la carcerazione e ripristino dell’ordine medesimo emesso in data 14 gen u.s. dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa – Ufficio Esecuzioni Penali, dovendo lo stesso espiare la pena residua di mesi 8 di reclusione, oltre al pagamento di una multa di euro 400, per il reato di furto aggravato commesso a Rosolini nel novembre 2006. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: