ULTIM'ORA

Ricetta rossa, addio! Dal 1 marzo arriva quella elettronica, tutte le informazioni utili


ricetta_elettronica - siracusatimesNews: addio alla vecchia ricetta rossa del medico di famiglia: dal primo marzo, infatti, sarà sostituita da quella elettronica. Per prescrivere un farmaco, un accertamento o una visita, il medico si collegherà al sistema informatico, lo stesso visibile al farmacista. Ma la carta non sarà ancora del tutto abolita. Per il momento, infatti, il dottore consegnerà al paziente una sorta di piccolo promemoria da portare in farmacia e che permetterà di recuperare la prescrizione anche in caso di malfunzionamenti del sistema o assenza di linea Internet. Ma quando il sistema andrà a regime anche questo foglietto sparirà.

Esclusi alcuni farmaci. Fino al termine del 2017, infatti, la ricetta elettronica non sarà però usufruibile per alcune categorie di farmaci, come stupefacenti, ossigeno e medicinali con piano terapeutico Aifa. La “rivoluzione” si estende comunque a tutte le farmacie del territorio nazionale, sia pubbliche che convenzionate. Ciò vuo, dire che i farmaci potranno essere ritirati anche fuori dalla regione di residenza.

Benefici per i cittadini: ticket e rimborsi. Grazie al sistema delle tessere sanitarie, le farmacie potranno applicare il ticket della regione di residenza dell’assistito. Sarà poi compito degli stessi enti regionali comunicare le informazioni sui medicinali prescritti e, in seguito, procedere ai relativi rimborsi compensativi.

Qualche controindicazione per i medici.Il medico non potrà più contare sul supporto dell’assistente di studio nella velocizzazione delle procedure di ricettazione – spiega il Segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo – e ci saranno complicazioni anche nelle procedure di coinvolgimento del sostituto medico”. “Il rischio è che tutti gli oneri ricadranno sul titolare, con un aggravio di lavoro che significa tempo tolto alle visite e attese più lunghe per gli assistiti”, aggiunge Milillo, chiedendo “una semplificazione delle procedure, ancora possibile”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: