ULTIM'ORA

Ragusa. Sequestrata un’azienda di “recupero plastica” e una cava di sabbia dismessa, per reati ambientali


Guardia di Finanza Siracusa Times

La Guardia di Finanza di Ragusa mettono sotto sequestro lo stabilimento del “recupero plastica” 

News Ragusa: prosegue l’attività delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa a tutela dell’ambiente, infatti, questa mattina, in esecuzione del provvedimento emesso dal Giudice per le indagini preliminari, Claudio Maggioni, i finanzieri della Compagnia di Ragusa hanno posto sotto sequestro un’impresa di “recupero plastica” sita in Contrada Mazara di Vittoria, per reati ambientali.

Il provvedimento di sequestro ha riguardato anche un’area industriale di circa mq. 40.000 adibita a stoccaggio incontrollato di fanghi, rifiuti speciali e all’illecito smaltimento della plastica dismessa proveniente dagli impianti serricoli.

Con lo stesso decreto si è proceduto all’ulteriore sequestro di una cava abbandonata di circa 20.000 mq. ubicata in Marina di Acate, Contrada Macconi, illecitamente utilizzata per lo smaltimento dei rifiuti speciali provenienti dal ciclo di lavorazione della plastica. Il rappresentante legale della società, in concorso con altri soggetti, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per reati in materia ambientale legati all’illecito smaltimento di rifiuti speciali.

L’operazione in questione ha consentito di sottoporre a sequestro anche 3 semirimorchi contenenti rifiuti speciali ancora da smaltire e la documentazione completa attestante lo smaltimento illecito dei fanghi provenienti dal ciclo di lavorazione della plastica dismessa presso la cava abbandonata di Marina di Acate. Il materiale così illecitamente smaltito, utilizzato per ricolmare la cava abbandonata, arrecava grave nocumento alle falde acquifere della zona, di conseguenza all’ambiente e alla salute pubblica.

L’azienda, lo scorso 26 febbraio, fu destinataria di un provvedimento di sequestro probatorio, emesso dalla locale Autorità giudiziaria, al fine di verificare il rispetto delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni rilasciate. Avverso tale provvedimento il Tribunale del Riesame aveva disposto il dissequestro fondato sulla apparente qualificazione come “sottoprodotto” ex art. 184 bis del D. Lgs 1652/2006 e non come rifiuto del materiale derivante dalle procedure di lavaggio del polietilene, proveniente dagli impianti serricoli.

Il provvedimento di sequestro preventivo emesso dal GIP presso il Tribunale di Ragusa, richiesto dalla Procura della Repubblica di Ragusa, è scaturito dagli esiti di successiva attività info-investigativa dei militari della Compagnia di Ragusa e corroborati dagli accertamenti tecnici effettuati dall’ARPA.

L’attività delle Fiamme Gialle iblee si colloca nell’ambito del controllo economico del territorio volto alla tutela dell’ambiente nell’interesse della collettività, soprattutto per evitare gravi conseguenze derivanti dallo smaltimento illecito di rifiuti pericolosi e dal conseguente inquinamento delle falde acquifere.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: