ULTIM'ORA

Protesta degli studenti siracusani, Zappulla: “sto con i ragazzi del Quintiliano. Scuola pubblica accessibile è la vera giustizia sociale”


Siracusa. Uno studio della Flc Cgil ha accertato che il 25 per cento degli istituti scolastici italiani ha una manutenzione inadeguata, e solo un modesto 3 per cento, invece, si trova in ottimo stato. La cancellazione delle Provincie senza un contestuale trasferimento delle loro competenze, e la rovinosa riforma della cosiddetta “Buona Scuola” stanno cancellando il diritto allo studio per tutti, caposaldo costituzionale di democrazia e giustizia sociale.

«Pieno sostegno alla protesta degli studenti di Siracusa – ha dichiarato Zappulla – che  domani mattina scenderanno in piazza per rivendicare il loro pieno diritto all’istruzione. I calcinacci che si sono staccati da un soffitto del Quintiliano, ferendo due studentesse, rappresentano l’emblema di un sistema scolastico che sta cadendo a pezzi, oramai non solo metaforicamente».

«Articolouno Liberi e Uguali è accanto alle ragazze e ai ragazzi che vogliono costruire sui banchi della scuola pubblica il loro futuro di liberi cittadini – ha concluso Zappulla – Le donne e gli uomini di Mdp Leu sono accanto ai docenti, ai dirigenti scolastici e al personale Ata  che tengono in piedi con sacrificio l’esercizio di un diritto, vitale per una società veramente libera e giusta. Non è solo da oggi che chiedo e chiediamo scuole pubbliche, sicure, attrezzate. Scuole accessibili a tutti e centralità della scuola pubblica per consentire a chiunque di crescere e studiare e di arrivare alla laurea senza dissanguare le famiglie. E senza aspettarsi che prima o poi un soffitto gli possa cadere in testa».

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: