ULTIM'ORA

Progetto Siracusa: “ridate alle donne anziane Casa Monforte”


News Siracusa: “decine di donne anziane deportate dal mese di luglio ed una casa destinata a loro dalla proprietaria chiusa ed impolverata, questa è oggi Casa Monteforte”. Secco ed implacabile il commento di Salvo Sorbello consigliere di Progetto Siracusa stamani al secondo appuntamento con I Sabato dello Spreco . In Via Picherali, nei pressi di una Piazza Duomo piena di tavoli e tovaglie, Progetto Siracusa decide di non spegnere i riflettori sulla residenza per anziane sole e bisognose costrette a lasciare la loro casa l’estate scorsa. Del progetto di ristrutturazione nessuna traccia.

“Con una spesa minima il Comune può riaprire questo luogo, facendo a meno di qualche consulenza e di spese inutili – aggiunge e conclude Sorbello. – Bisogna ridare la loro casa a donne anziane e bisognose a cui è stata destinata questa residenza. Ortigia non può essere solo casa vacanze, non può essere solo bar e ristoranti, in un momento storico in cui è azzerata la densità abitativa dell’isolotto, in cui tra l’altro nessun siracusano può permettersi di abitare perché troppo cari gli immobili,  non si può ignorare Casa Monteforte”.

“Una doppia beffa – viene definita da Lucia Catalano Presidente di Progetto – da un lato si danneggiano donne sole e anziane, dall’altro proprio chi ha bisogno di essere assistito, una città non può assistere a tale ingiustizia sociale”.

Parte della società civile è intervenuta al sit-in di stamattina, tra questi Enrico Piazza, promotore di un Comitato su Casa Maria Monteforte . “Avevo avuto rassicurazioni dal Comune di un pronto intervento sulla struttura ma, ad oggi, non vedo e non so nulla di questa casa e delle sue signore. Non so cos’altro dire”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: