ULTIM'ORA

Progetto Siracusa chiede le dimissioni di tutti i consiglieri comunali


Progetto Siracusa Times

Da sinistra: Salvatore Sorbello, Ezechia Paolo Reale e Dario Tota

News Siracusa: Progetto Siracusa con il portavoce, Ezechia Paolo Reale, il consigliere comunale Salvatore Sorbello e il coordinatore cittadino Dario Tota ha presentato, questa mattina alla stampa, il nuovo direttivo del movimento e illustrato dieci motivi per chiedere le dimissioni di tutti i consiglieri comunali. Nello specifico, sono state esposte e documentate le carenze, le inadeguatezze e le inadempienze del Civico Consesso.

“Il Piano Generale di Sviluppo – dichiara il portavoce Reale è lo strumento attraverso il quale la città programma il suo futuro.  Nel dicembre 2013 in Consiglio Comunale, senza che la Commissione e i Consiglieri si accorgessero di nulla, è stato trasmesso per l’approvazione il Piano della città di Cremona, sostituendovi solo il nome della città e gli unici ad accorgersene siamo stati noi.

Per quanto riguarda la Tassa sui Rifiuti, siamo la città con la tariffa più alta in Italia dopo Cagliari, per di più imposta con una delibera nulla in quanto non rispettato il termine obbligatorio di pubblicazione sul sito del Comune. Siracusa – precisa il portavoce del movimento – è la città che in Sicilia ha la percentuale di raccolta differenziata più bassa. Ancora oggi il servizio di raccolta è gestito in regime di proroga, nonostante il bando fosse stato già predisposto oltre tre anni fa, affrontando la relativa spesa. Per motivi che ai più sfuggono, quel bando è scomparso ed è stato sostituito da un altro che ancora oggi giace nelle secche della burocrazia”.

Il movimento civico si è anche soffermato sulle modalità, errate, dell’approvazione del bilancio preventivo 2015. Un bilancio avvenuto solo nel gennaio 2016, pubblicato oltre il termine obbligatorio sul sito istituzionale del Comune e che ha persino riscontrato un parere negativo da parte del Collegio dei Revisori dei Conti.

Altro tema trattato da Progetto Siracusa è stata la mancata discussione, in Consiglio Comunale, del Piano Particolareggiato di Ortigia, predisposto già dagli uffici con una spesa molto consistente oltre tre anni fa. Identico disinteresse è stato mostrato anche in occasione della stesura del nuovo Piano Regolatore Generale.

La lista civica ha poi affrontato le evidenti carenze riguardanti il Piano Urbano del traffico, il Piano Urbano della Mobilità,  il Piano Spiagge, il Piano Smaltimento Amianto, il Piano abbattimento delle barriere architettoniche e gli Asili Nido.

Ultimo tema trattato, quello dell’Informazione e trasparenza. “Fatto scandaloso – chiosa Ezechia Paolo Reale che il Consiglio Comunale ha cancellato la diretta televisiva delle sedute senza garantire neanche la diretta streaming, promessa e deliberata, eludendo così la competenza consultiva del Consiglio Comunale sui contributi in favore dei privati, concessi a pioggia nel 2014 ed oggetto di una severa nota dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione”.

La mattinata è stata anche l’occasione per presentare il nuovo direttivo di Progetto Siracusa composto da: Dario Tota, Coordinatore cittadino; Lucia Catalano, Presidente; Alfonso Giardina, Vicepresidente; Ezechia Paolo Reale, Portavoce; Gaetano Ambrogio, Tesoriere; Loredana Faraci, Responsabile Comunicazione e Cultura e Alessandra Turlà, Responsabile Formazione e Lavoro.

A cura di Alessandro Maiolino e Naomi Zappulla.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: