ULTIM'ORA

Proclamato lo stato di agitazione all’ARPA Sicilia: stipendi e controlli ambientali a rischio


rsz_arpa-logo-624x300News Siracusa: i lavoratori ARPA Sicilia hanno proclamato lo stato di agitazione. Continua la grave situazione economico-finanziaria, e continua anche la riduzione del contributo di funzionamento, inferiore all’ammontare dei soli stipendi, che ha eroso la cassa al punto da mettere a rischio non solo gli stipendi, ma mettendo a serio rischio i controlli ed il monitoraggio dell’ambiente, per i quali la Regione Sicilia e’ gia’ sotto infrazione da parte della Comunita’ Europea.

Dall’assemblea dei lavoratori e’ emersa anche la necessita’ di verificare l’attuazione degli accordi concertati tra le sigle sindacali ed la Delegazione Trattante, nominata dal Direttore Generale Licata di Baucina.
Il delegato sindacale della Federazione Sindacati Indipendenti , Alfredo Galasso ha dichiarato: “da tempo denunciamo la mancanza di attuazione da parte della Delegazione Trattante degli accordi stabiliti negli ultimi anni e ribadiamo la necessita’ di una convocazione urgente del tavolo di contrattazione con la condizione imprescindibile della presenza del Direttore Generale a salvaguardia dell’attuazione delle decisioni prese al tavolo stesso.”

Preoccupazione è stata espressa sia dal Segretario Regionale FSI- USAE Raimondo Leotta ed anche dal Coordinatore Regionale F.S.I. Sanità Giuseppe Alicata i quali pongono l’accento su un uso dei fondi assegnati alle Aziende Sanitarie Provinciali da parte dell’ Assessorato alla Salute e che vedono in diversi atti Aziendali e relative Dotazioni Organiche per gli anni 2015,16 e 17, somme decurtate dai fondi accreditati dal D.A.del 5/Agosto/2015 a firma Guzzardi, somme, che superano per alcune provincie più di un milione di euro, in virtù dell’attuazione dell’art. 58 della legge Finanziaria per l’anno 2015 ma in applicazione a far data dal 1/Gennaio/2016 e che costituirebbero per l’anno 2016 “fondo del personale ARPA”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: