ULTIM'ORA

Priolo Gargallo, gettoni di presenza. In 9 impedirono un referendum per abbassarne il valore: indagati


Priolo Siracusa TimesNews Priolo: gli Agenti della Polizia di Stato in servizio al Commissariato di P.S. di Priolo Gargallo, a seguito di indagini dirette dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, nella persona del Sostituto Procuratore dott. Tommaso Pagano, hanno notificato un provvedimento di conclusione indagine a carico di 9 soggetti.

L’attività investigativa ha riguardato la mancata indizione di un referendum popolare avente ad oggetto l’abbassamento del valore del gettone di presenza dei consiglieri del Comune di Priolo Gargallo. I membri della Commissione Consiliare di Vigilanza in particolare, con decisione del 23 marzo 2013, escludevano il promotore del referendum dalla possibilità di avere un incontro con la commissione, per discutere e chiarire l’iter del referendum consultivo stesso. Tale delibera veniva assunta, secondo gli accertamenti esperiti, in violazione dello Statuto e del Regolamento per l’istituzione di referendum consultivi del Comune.

Al promotore del referendum si impediva pertanto, indebitamente, di partecipare al procedimento, ostacolandone eventuali attività propulsive ed, in ogni caso, contribuendone ad impedire la prosecuzione dell’iter procedimentale per l’indizione del referendum popolare. Un danno arrecato intenzionalmente al promotore stesso, privato del diritto a partecipare al procedimento, nonché ai cittadini priolesi, cui veniva impedito di esercitare il loro diritto di voto rispetto alla materia oggetto del referendum.

Ciò permetteva che i consiglieri, fra cui gli stessi membri della commissione, potessero continuare, senza doversi confrontare con l’opinione pubblica e la volontà dell’elettorato, a percepire un gettone di presenza indebito, perché quantificato in misura superiore al limite normativamente previsto.

Nelle attività d’indagine risultano altresì coinvolti per abuso d’ufficio, oltre i membri della citata Commissione di Vigilanza del Comune di Priolo Gargallo, all’epoca dei fatti in carica, anche l’allora Presidente del Consiglio Comunale ed il Vicesegretario Comunale e Responsabile del Settore Affari Generali del Comune di Priolo Gargallo.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: