ULTIM'ORA

Tutti contro lo slogan “ognuno cia ficca a cu voli”, Arcigay Siracusa: “inutili polemiche, solidali a Palermo Pride”


pride palermo - siracusatimesNews Siracusa: “Ognuno c’ia ficca a cu voli”: uno slogan dall’effetto boomerang per il Palermo Pride, che in poche ore dalla pubblicazione di foto che ritraggono ragazzi e ragazze con in mano un preservativo e al collo appesa la suddetta scritta, ha scatenato le critiche nei social. Gli organizzatori in vista della parata per i diritti Lgtb che si terrà il prossimo 18 giugno, avevano deciso di diffondere uno slogan utilizzato per l’edizione del Pride palermitano del 2016.

Oggi il tentativo di giustificazione di Luigi Carollo, coordinatore del Palermo Pride, su Facebook non convince i followers:  “Alla luce delle polemiche montate su una campagna fotografica sul sesso sicuro e sulla libertà sessuale pubblicata nelle scorse ore sulla pagina facebook del Palermo Pride, riteniamo doveroso come Coordinamento chiarire che lo slogan di quella campagna fotografica riguardava solo la campagna, e non è in alcun modo da intendersi come lo slogan del Palermo Pride 2016, che, come ogni anno, verrà comunicato nella sede opportuna, cioè durante la conferenza stampa di presentazione”.

Una frase che lascia  che non lascia solo spazio solo alle critiche e all’indignazione. Tra i pro c’è il presidente di Arcigay Siracusa, Armando Caravini che esprime solidarietà al gruppo di Palermo. “Il titolo è certamente provocatorio, ma la sua provocazione fa in modo di attirare l’attenzione, nel bene o nel male. Credo che sia terminato il tempo di essere bigotti e ipocriti, non bisogna avere paura di parlare e diffondere messaggi sull’educazione sessuale, che invece ritengo sia importante ai fini della prevenzione”. 

“Lo slogan provocatorio comunica ben altro – spiega il presidente di Arcigay – invita a fare sesso con chiunque, nel senso che non ha importanza il genere sessuale del partner, una pura e semplice libertà sessuale, purché certo ci sia prevenzione”. 

“Per me è un messaggio forte si ma è anche e soprattutto un messaggio importante, e – conclude Armando Caravini –  invito alle persone che si lamentano di non fare i soliti moralisti. Sono vicino al Palermo Pride e solidale ad Arcigay Palermo”.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: