ULTIM'ORA

Perseguita l’ex compagna rifugiatasi a Pizzo Calabro: arrestato pluri – pregiudicato lentinese


amarindo_filadelfo

News: nelle prime ore della mattinata odierna personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto Filadelfo Amarindo, nato a Lentini il 14/3/1952, ivi residente, pluri-pregiudicato, responsabile di atti persecutori in danno della sua ex convivente, una trentatreenne originaria di Lentini, da qualche tempo domiciliata a Pizzo Calabro (VV). L’attività è scaturita da una costante collaborazione tra Commissariato P.S. di Lentini e gli agenti della Squadra Mobile e delle Volanti,  di Vibo Valentia che  con un indagine lampo hanno stroncato il criminale.

La signora, evidentemente preoccupata dall’atteggiamento aggressivo dell’uomo, si era  rifugiata  a Pizzo Calabro, dove un amico le aveva dato ospitalità. La stessa, poi, ragguagliata dagli agenti della Squadra Mobile di Vibo Valentia circa l’imminente pericolo cui versava e che il suo ex convivente aveva individuato il suo nuovo domicilio, ha confermato agli inquirenti il triste scenario di violenze e soprusi subiti. La donna è stata accompagnata presso la Questura, dove è stata accolta da personale dell’U.P.G.S.P. per i successivi adempimenti.

L’epilogo della vicenda si è consumato nella mattinata odierna in quanto gli agenti della Squadra Mobile e della Sezione Volanti di Vibo Valentia, in stretto contatto con il Commissariato  di Lentini, hanno monitorato  gli spostamenti dell’uomo, bloccandolo nel corso di un posto di controllo appositamente istituito con altri tre uomini, tutti con numerosi precedenti penali e di polizia e tutti originari di Lentini.

Accompagnati presso gli Uffici della Questura calabrese, la Polizia di Stato ha arrestato l’uomo per il reato di Atti Persecutor; nei confronti degli altri tre soggetti è stato emesso foglio di via obbligatorio ex art. 2  L. 1423/56, con divieto di fare ritorno nel comune di Vibo Valentia per anni tre, provvedimento che veniva adottato anche nei confronti di Amarindo, nonostante fosse stato tratto in arresto. Dopo gli adempimenti di rito, è stato condotto in carcere.

 

 

 

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: