ULTIM'ORA

Pensionati “a testa alta”: i segretari geneali Spi Cgil, Fnp Cisl e Uil Pensionati presentano la manifestazione del 19 maggio


 

sindacati pensionati - siracusatimesNews Siracusa: a piazza del Popolo, i pensionati del sindacato unitario, vogliono presentarsi “A testa alta”. Uno slogan che intende sottolineare lo spirito di una categoria pronta a fare valere i propri diritti. “Scendiamo in piazza per gli oltre centro mila pensionati della nostra provincia, per i tanti giovani senza lavoro, per quanti sfiorano la povertà con appena 400 euro di pensione mensile” . Così, i segretari generali di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uil Pensionati, Valeria Tranchina, Sebastiano Spagna e Sergio Adamo, hanno presentato questa mattina la prossima manifestazione in programma il 19 maggio a Roma. “Nella provincia di Siracusa – hanno dichiarato i tre segretari – l’INPS eroga oltre 38 mila pensioni di vecchiaia, circa 8 mila pensioni di invalidità, più di 20.800 pensioni ai superstiti, quasi 11.500 pensioni/assegni sociali, quasi 24 mila pensioni di invalidità civile. Per un totale di pensioni erogate che supera le 100 mila. La somma erogata mensilmente, prendendo a campione la pensione di vecchiaia, non supera, in provincia, i mille euro”.

A preoccupare il sindacato sono le fasce basse che, dai dati riportati, vivono con una media pensionistica di non più di 600 euro. “C’è bisogno di una maggiore tutela proprio per loro – hanno aggiunto Tranchina, Spagna e Adamo – Qui siamo alla sopravvivenza”. Non è bastato l’annuncio di convocazione, da parte del ministro Poletti, di un tavolo per il 24 maggio. “Lo sciopero si farà e chiamiamo a partecipare anche i giovani. – hanno aggiunto ancora i tre segretari – Noi manifestiamo il malessere dei pensionati, di una categoria spesso scambiata per un bancomat sociale. Ma protestiamo pure perché non vediamo nessun futuro per i tanti giovani che oggi restano senza lavoro e, così facendo, non potranno avere garanzie per un domani previdenziale”.

Il sindacato unitario dei Pensionati, come ribadito questa mattina, riafferma il concetto di pensione come salario differito. Sette i punti al centro della piattaforma: non si tocca la reversibilità, tutela del potere di acquisto, uguali detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti e pensionati, recupero del danno prodotto dal blocco della rivalutazione, separazione della spesa assistenziale da quella previdenziale, maggiori risorse e una legge quadro per la non autosufficienza, cambiare la legge Fornero per rendere flessibile l’età pensionabile.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: