ULTIM'ORA

Parte dalla Sicilia l’attività di formazione etica per tutto il personale sanitario. All’Asp di Siracusa “Curiamo la corruzione”


Asp Siracusa Siracusa TimesNews Siracusa: Parte dalla Sicilia, e precisamente dall’Asp di Siracusa, la lotta sul campo alla corruzione in sanità grazie ad un programma di formazione, coaching e sviluppo delle sensibilità reputazionali, messo a punto dall’Istituto per la promozione dell’etica in sanità, ISPE-Sanità nel quadro del progetto triennale “Curiamo la corruzione” insieme a Transparency Internazional, Censis e Rissc.

Da lunedì 9 a mercoledì 11 maggio prenderà il via la prima “tre giorni” dedicata all’integrità e allo sviluppo di competenze e attitudini etiche in campo sanitario, progettato per il personale delle aziende sanitarie, ospedaliere e di ricerca italiane. Gli incontri, nella sede della Direzione generale dell’Asp di Siracusa (lunedì 9 maggio dalle 11 alle 16) e nella Sala convegni dell’Ordine dei Medici della provincia di Siracusa, (martedì 10 e mercoledì 11 maggio dalle 8.30 alle 14, Corso Gelone, 103), saranno tenuti da ISPE-Sanità Formazione con Francesco Di Coste, Massimo di Rienzo e Marco Magheri.

Il piano degli interventi ha lo scopo di favorire il contrasto al fenomeno corruttivo in Sanità attraverso format di coaching, di “disseminazione etica” e di scenario reputazionale, finalizzati a migliorare le competenze dei dirigenti e dello staff delle Aziende Sanitarie, in ordine alla prevenzione e gestione di comportamenti che si configurano come illeciti e abusivi, alla messa a punto di misure aziendali atte a favorire la trasparenza, alla diffusione di buone pratiche e interiorizzazione di valori che favoriscano un clima socio-organizzativo improntato all’integrità professionale e all’etica pubblica.

Quella dell’Asp di Siracusa, alla quale sono stati invitati anche i vertici aziendali delle Aziende sanitarie provinciali, Aziende ospedaliere e Irccs di tutta la Sicilia, è la prima tappa di un vero e proprio “road show” lungo tutta l’Italia presso Aziende che hanno scelto di cimentarsi con la sfida dell’integrità e della difesa etica del Servizio Sanitario Nazionale a favore della salute dei cittadini. I prossimi incontri in programma toccheranno successivamente Bari, Melegnano (MI), Trento, Sud Est Toscana.

L’Asp di Siracusa, com’è noto, è tra le prime quattro Aziende sanitarie in Italia insieme con l’ASL di Bari, l’ASST di Melegnano e della Martesana (MI) e l’ASSP di Trento, a partecipare attivamente come Azienda pilota al progetto promosso da Transparency International Italia in collaborazione con CENSIS, ISPE Sanità e  il Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità (RiSSC) per il contrasto alla corruzione. Il progetto, denominato “Curiamo la corruzione”, ha l’obiettivo di aiutare il sistema sanitario nazionale a contrastare la corruzione grazie a una maggiore trasparenza, integrità e responsabilità contribuendo ad accrescere la consapevolezza sul fenomeno della corruzione, a istruire e formare dirigenti e staff e ad implementare e a testare sul campo strumenti anti-corruzione e modelli organizzativi innovativi.

“Diffondere sempre più la cultura della legalità, della trasparenza e del rispetto delle regole – sottolinea il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta – è il leit motiv che accompagna l’operato di questa Azienda che è costantemente impegnata in azioni di formazione e sensibilizzazione ed è dotata di strumenti amministrativi fondamentali ad accrescere il livello di buona gestione e di trasparenza”.

Abbiamo attivato una serie di progetti che ci permettono di entrare in contatto con gli operatori che quotidianamente sono esposti alle condotte dei corruttori nelle corsie e negli uffici delle amministrazioni, perché siamo convinti che la formazione basata sull’etica di sanità pubblica sia fondamentale per contribuire a sconfiggere il fenomeno” – evidenzia Francesco Macchia, presidente dell’Istituto per la promozione dell’etica in sanità, ISPE Sanità –. Per questa ragione, nei prossimi mesi, partendo proprio dalla Asp di Siracusa, incontreremo i dipendenti di cinque aziende sanitarie che hanno deciso di aderire al progetto “Curiamo la corruzione” e che sperimenteranno una serie di strumenti e accorgimenti volti a contrastare illeciti e reati amministrativi contro la salute dei cittadini”.

“Esprimo soddisfazione – sottolinea il responsabile Anticorruzione dell’Asp di Siracusa Paolo Emilio Russo – per avere potuto coinvolgere anche alcuni responsabili anticorruzione delle Aziende sanitarie e ospedaliere siciliane, che saranno presenti il secondo giorno, creando una utile occasione di confronto sulle tematiche affrontate”.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: