ULTIM'ORA

Palio dei Tre Valli di Sicilia, è già conto alla rovescia per il Corteo Barocco


Il vicepresidente e regista Sebastiano Puzzo ed il presidente Corrado Di Lorenzo

News Noto: è già partito il conto alla rovescia per la quarta edizione del Palio dei Tre Valli di Sicilia. Chi succederà nell’albo d’oro al gruppo “Katabba” di Monforte San Giorgio?

Il prossimo 23 aprile, saranno circa 20 i gruppi a contendersi il titolo di una tra le kermesse più variegate e coreografiche di sempre. L’Associazione Corteo Barocco di Noto, che parteciperà fuori concorso così come alcune associazioni partecipanti, ha curato tutto nei minimi dettagli e come nelle precedenti edizioni, accoglierà tutti i cortei storici di Sicilia che sfileranno per le vie di Noto con passerella finale in piazza Municipio.

“La quarta edizione ha detto il presidente Corrado Di Lorenzo – si snoderà in due giornate: il giorno prima ci sarà il festival degli Sbandieratori, il giorno dopo il Palio. Siamo nuovamente in prima linea per questa manifestazione che riunirà 18-20 città della Sicilia con un periodo storico abbastanza ampio: si va dal 1100 nel periodo federiciano fino al 1800. Ogni paese rappresenta una fetta di storia isolana, motivo per cui non si è voluti rinunciare all’organizzazione dell’evento affinché si consolidi nel tempo; nelle precedenti edizioni, il Palio dei Tre Valli ha riscosso un successo notevole.

“Sarà – ha concluso Di Lorenzo – uno scambio di esperienze notevoli, un arricchimento per tutti anche da un punto di vista culturale e sociale. Il Palio è un momento importante perché rispolverando le nostre radici guardiamo al futuro, attirando turisti che così possono apprendere meglio la storia della nostra terra”.

“Questa quarta edizione sarà come sempre ricca di contenuti e particolare nel suo genere vista la partecipazione di alcune associazioni che per la prima volta si presentano a Noto – ha aggiunto il vicepresidente e regista Sebastiano Puzzo –. C’è un cliché consolidato e siamo già impegnati da settimane tra preparativi e dettagli che sono importanti nell’organizzazione di un evento così ampio e che toccherà diversi punti della città. Sarà una grande manifestazione che come ogni anno segnerà l’inizio dei festeggiamenti in onore della primavera barocca. Una vetrina importante perché convoglieranno a Noto tanti gruppi storici che sfileranno con i loro costumi, i colori araldici: la peculiarità è sempre stata quella di radunare tutti i gruppi che parlano, organizzano cortei storici per uno scambio di esperienze.

“Il corteo – ha concluso Puzzo – partendo dalla parte estrema del Corso, da piazza Bixio attraversa la città con i suoi vari gruppi. Ci saranno poi sbandieratori, danzatrici, ecc. per creare una bella armonia e una bella giornata di festa. Una giuria qualificata decreterà il gruppo vincente che avrà diritto ad un palio che consiste in un drappo dipinto dal famoso pittore Bruno D’Arcevia, autore, tra l’altro, dell’affresco dell’abside della Cattedrale di Noto”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: