ULTIM'ORA

Omicidio Eligia Ardita: da “Giallo”, un’altra sconvolgente telefonata al 118


News Siracusa: è ancora il  settimanale “Giallo“,  diretto da Andrea Biavardi, a diramare una sconvolgente telefonata sulla notte dell’omicidio della giovane infermiera aretusea Eligia Ardita. Dopo la chiamata al 118 del marito Christian Leonardi che ha ucciso la donna il settimanale dirama la chiamata che fece, al 118, l’autista soccorritrice Patrizia Cappuccio da casa Ardita. Eligia era già “in arresto”: il suo cuore non batteva più. Era morta, uccisa dal marito Christian Leonardi almeno un’ora prima. 

Riportiamo, di seguito, il contenuto della telefonata che potrete ascoltare o leggere:

Operatore: 118 operatore 75
Patrizia Cappuccio: Ascolta, abbiamo una paziente gravida in arresto
Operatore: Paziente gravida in arresto?
Patrizia Cappuccio: Sì sì, in arresto
Operatore: avete fatto manovre di urgenti?
Patrizia Cappuccio: sì, si si, il medico già intubato
Operatore: gravida a che mese?
Patrizia Cappuccio: ottavo? Ottavo mese il marito mi sta dicendo
Operatore: va bene, avete bisogno una ambulanza per l’appoggio?
Patrizia Cappuccio: Dottore (rivolgendosi al medico rianimatore), avete bisogno di una ambulanza di appoggio? (il medico risponde di sì)Sì sì mandami una ambulanza. Falli salire che stiamo lavorando direttamente sulla spinale, è al terzo piano.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: