ULTIM'ORA

Noto, il Tar dice no alla costruzione di 120 villette: salva la “macchia mediterranea” di Eloro


News Noto: nella zona costiera di Eloro c’è la macchia mediterranea per cui non si possono costruire le 120 villette che erano state progettate. I giudici del Tar di Catania hanno accolto le ragioni delle associazioni ambientaliste e del Comune di Noto, a tutela di una zona boscosa estesa oltre 10 ettari.  Una battagli iniziata nel 2011, e oggi vinta dagli ambientalisti. Le associazioni Natura Sicula e NotoAmbiente esultano, infatti, dopo una lotta durissima per salvare la costa dal cemento. “Dapprima le relazioni pseudoscientifiche con cui falsamente si affermava che a Eloro non esisteva la macchia mediterranea – dice Fabio Morreale di Natura Sicula a Repubblica che per primo a diffuso la notizia- poi gli incendi di dubbia origine, la distruzione di una parte della zona boschiva con mezzi meccanici. Insomma, una vicenda travagliata sostenuta dal nostro amore per il territorio e conclusa con una vittoria “impossibile” ottenuta grazie all’azione congiunta delle associazioni con il mondo scientifico e con la gente di Noto che ha firmato la nostra petizione con cui si ribadiva che a Eloro esisteva la macchia mediterranea da proteggere da ogni tentativo di speculazione, ci hanno dato la forza di continuare con ostinazione anche quando la battaglia sembrava perduta”.

Adesso il prossimo passi degli ambientalisti è tutelare il chilometro di costa considerato di straordinario interesse storico, archeologico e naturalistico includendo l’area di Eloro-Pizzuta nella Riserva Naturale di Vendicari.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: