ULTIM'ORA

Noto. Domenica recital di Juri Camisasca e apertura della mostra Pantarei ai Bassi di Palazzo Nicolaci


Noto. Quadrilatero del Contemporaneo è la novità più importante nell’ambito di Notodinverno 2018, che ha riscosso molto successo di pubblico nel periodo delle festività natalizie. Iniziativa promossa  dall’Amministrazione Bonfanti e curata dall’Assessorato alla Cultura retto da Frankie Terranova.

Saranno aperti alcuni degli edifici storici più importanti della città di Noto a tanti artisti, oltre 40, con l’obiettivo di creare un autentico circuito del contemporaneo. Un’intuizione questa che avrà sicuramente un seguito e che parte dalla sinergica collaborazione tra l’Assessorato al Turismo retto da Giusy Solerte, la consulenza artistica di Vincenzo Medica, Studio Barnum Contemporary di Noto, ed un grande lavoro degli Uffici comunali preposti.

Uno sforzo senza precedenti che non è completamente finito perché alcune mostre restano aperte al pubblico, altre verranno rimodulate con novità accattivanti.

Concluse le esposizioni di Palazzo Impellizzeri con “Lighea-il mito e la sirena” di Alessandro La Motta, del Museo di Santa Chiara con “Una favola antica” di Franco Politano, dei Bassi di Palazzo Ducezio con “inContemporanea” di Andrea Alderuccio, Eliana Adorno, Gianni Andolina, Vincenzo Arancio, Salvatore Castellino, Corrado Celestri, Giuseppe Civello, Paolo Golino, Fulvia Morganti, Daniela Moscuzza, Laura Nazzaro, Federica Orsini e Corrado Papa, nella Sala Dante del Teatro Tina Di Lorenzo con “Il pomeriggio d’un fauno” con Franco Coppa, Angelo Cortese, Pino Di Silvestro, Anna Kennel, Gaetano Lo Manto, Salvo Russo, Giuseppe Sciacca, e Gaetano Tranchino.

Rimangono, invece,  aperte al pubblico: tutti i giorni al Convitto delle Arti, nella sala al piano superiore, l'”Antologica 1958-2017″di Enzo Indaco fino al 28 febbraio 2018, e “Arte contemporanea polacca” con Tamar Berdowska, Leszek Oprzadek, Bartlomij Radosz, Edyta Sobieraj, Zbigniew Sprycha; mentre nei Bassi del Convitto delle Arti, fino a domenica 14 gennaio:”Colour Code” di Fabio Modica.

Grandi novità, invece, ai Bassi di Palazzo Nicolaci, dove si è conclusa l’esperienza di “Cantiere Kn-Lavori in Corso”,progetto di Mario Rapisardi e Massimiliano Frumenti, , con Salvatore Castellino, Alessandro Costagliola, e Marco De Marco.

Ma in questo sito, a dir poco, suggestivo domenica 14 gennaio 2018 alle ore 18 si terrà una serata davvero eccezionale grazie al recital di Juri Camisasca, personaggio eclettico e straordinariamente fuori dal comune, con la sua voce e la chitarra, accompagnato alle percussioni da Peppe Di Mauro, e dalla lettura di alcuni brani a cura di Teresa Lorefice.

La serata tra testi e musica darà inizio ad una nuova esposizione artistica: Panta Rei produzione di opere pitto-grafiche di Mario Rapisardi che esporrà e lavorerà sempre ai Bassi di Palazzo Nicolaci.

Le mostre saranno fruibili dal pubblico tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 20, mentre durante il fine settimana o nelle festività l’apertura al pubblico si estenderà anche al mattino dalle ore 10 alle ore 13.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: