ULTIM'ORA

Noto. Controlli antidroga dei Carabinieri in quattro istituti scolastici


Carabinieri Siracusa Times

News Noto: continuano i controlli antidroga, da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Noto con il supporto del personale del Nucleo Carabinieri Cinofili di Nicolosi.

Ieri mattina, infatti, lo specifico servizio ha interessato il Comune di Noto dove i Carabinieri della locale Stazione, con il supporto di un pastore tedesco condotto dai Carabinieri del Nucleo Cinofili e del personale dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. di Noto hanno posto in essere un articolato servizio con finalità preventiva per contrastare il fenomeno del consumo di sostanze stupefacenti fra i giovani.

Il servizio ha interessato 4 plessi dell’Istituto comprensivo “Matteo Raeli” di Noto: l’ITIS e l’Istituto per geometri di nonché il liceo artistico e l’ITAS. I militari hanno prima controllato gli spazi esterni quali giardini e parcheggi proseguendo i controlli, d’intesa con il dirigente scolastico, negli spazi comuni interni e nelle aule. Assolutamente confortanti i risultati: i cani antidroga non hanno fiutato nemmeno la più piccola traccia di sostanze stupefacente.

Contestualmente, nei pressi dei citati istituti scolastici, i Carabinieri del N.O.R.M. hanno effettuato dei posti di controllo al fine di assicurare il regolare svolgimento delle attività didattiche e prevenire la commissione di reati, con particolare riguardo ai furti in danno dei veicoli degli studenti in sosta nonché allo spaccio di sostanze stupefacenti. Anche in questo caso la specifica attività ha dato esito negativo: tutti i giovani controllati erano in regola con i documenti di guida e circolazione.

I controlli effettuati rientrano nell’ambito del progetto di diffusione della cultura della legalità tra i giovani, obiettivo condiviso dall’Arma dei Carabinieri con le Istituzioni scolastiche a vari livelli, che prevede, tra le varie iniziative, anche incontri presso i vari istituti scolastici su argomenti di attualità e di maggiore interesse per gli studenti.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: