ULTIM'ORA

Noto. “Alza l’attenzione… non il gomito!”, prosegue la campagna di sensibilizzazione promossa dai Carabinieri


Carabinieri Siracusa Times

Foto dello stand dei Carabinieri a Noto, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione “Alza l’attenzione… non il gomito!”.

News Noto: prosegue la campagna di sensibilizzazione “Alza l’attenzione…non il gomito!” avviata dai Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa per la prevenzione dei rischi connessi alla guida in stato di ebbrezza alcolica. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’ottava edizione del progetto di legalità “Un casco vale una vita”, sviluppato in collaborazione con le società ISAB ed ERG in collaborazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Siracusa e la Croce Rossa Italiana di Siracusa – Sezione Giovani.

Dopo l’evento inaugurale svoltosi sabato 19 dicembre all’interno del Centro commerciale di Città Giardino, questa mattina l’iniziativa si è articolata a Noto, con una serie di incontri tenuti dal Comandante della Compagnia, capitano Sabato Landi, unitamente al Comandante della Stazione ed al Comandante dell’Aliquota Radiomobile con gli studenti delle scuole medie del II Istituto Comprensivo “Melodia”, del III Istituto Comprensivo “Francesco Maiore” e del IV Istituto Comprensivo “Aurispa”.

Attraverso la consegna di una brochure illustrativa, realizzata dal Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa, i visitatori hanno potuto riflettere sulla drammaticità dei dati statistici relativi ai numerosi incidenti stradali causati dalla guida in stato di ebbrezza e causa di un elevato numero di feriti gravi e decessi, specie tra i più giovani, con una maggiore concentrazione nei fine settimana, nella fascia oraria notturna compresa tra le 22 e le 6 del mattino.

Grazie alle tabelle contenute nella brochure i giovani studenti, principali destinatari dell’iniziativa, hanno potuto esaminare i diversi effetti dell’abuso di alcool sull’organismo in relazione ai parametri del peso, del sesso e della quantità e tipologia di alcol bevuta.

Successivamente, i giovani si sono recati presso lo stand allestito in piazza Landolina dai Carabinieri e dal personale della Croce Rossa per avere una dimostrazione pratica dei rischi che il consumo smodato di alcol provoca sull’organismo e degli effetti sulla capacità di condurre un veicolo in totale sicurezza. Qui, dopo la parte teorica tenutasi in aula, i Carabinieri hanno invitato i visitatori a rendersi praticamente conto degli effetti dell’alcol sulla guida facendo loro provare un itinerario stradale allestito dalla Croce Rossa, da percorrere indossando degli occhiali appositamente tarati per simulare la vista di un conducente messosi alla guida con diversi livelli di alcolemia nel sangue.

Un modo per acquisire consapevolezza del fatto che quella situazione simulata, trasposta nella realtà, costituisce concretamente una condizione di esposizione ad un enorme pericolo.

I volontari della Croce Rossa hanno inoltre mostrato le procedure di primo soccorso in caso di intervento su un incidente stradale, avvalendosi di un manichino per spiegare le tecniche di rianimazione nonché il funzionamento ed il corretto uso del defibrillatore.

Al termine del percorso, inoltre, i Carabinieri e la Croce Rossa hanno distribuito un alcoltest monouso, utile per rendersi conto “se sia opportuno mettersi alla guida, per esempio, al termine di un lauto pranzo nel corso delle imminenti festività pasquali.

Per la gioia dei giovani erano inoltre presenti i mezzi dei Carabinieri in dotazione alla Compagnia di Noto: autovetture di vario genere, tra cui la nuovissima Seat Leon dell’aliquota Radiomobile, su cui molti si si sono divertiti a salire a bordo per vedere la strumentazione dall’interno. I militari dell’Arma hanno, anche, illustrato il funzionamento dell’etilometro e dell’autovelox.

La raccomandazione rivolta ai cittadini, che sarà ribadita nei prossimi eventi a tema, è dunque quella di “alzare l’attenzione…non il gomito!”, evitando di bere se ci si deve mettere alla guida o se si devono compiere attività tali da richiedere particolare concentrazione, per la salvaguardia dell’incolumità propria e degli altri.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: