ULTIM'ORA

Melilli, il Comune dedica una via alla poetessa Marianna Missale


 

melilli-via_missaleNews Melilli: una via dedicata a Marianna Missale, poetessa nata nel 1867 e deceduta nel 1938. Marianna Missale fu donna di alto profilo morale e di profonda vita interiore, vissuta con l’impronta tipicamente francescana; colta, “antesignana del mondo femminile dotto melillese”, icona di spiritualità, fu autrice dell’opera letteraria “Mistico Canzoniere”. Il Centro Italiano Femminile di Melilli ha curato la ristampa e la presentazione nel 2005, grazie soprattutto alla disponibilità di Nicolò e Serenella Immè.

L’amministrazione comunale di Melilli ha accolto, con una delibera di Giunta, la richiesta presentata dal Centro Italiano Femminile (CIF), intitolando una strada del paese ad una delle sue più nobili figlie. Alla scopertura della targa, oltre al sindaco Giuseppe Cannata, erano presenti gli eredi di Marianna Missale (famiglia Nicolò Immè) che vivono a Roma.

Apprezzamento per l’operato del primo cittadino e dell’intera sua squadra di governo è stato espresso da Concetta Pitruzzello, presidente del CIF di Melilli. “Ringraziamo l’Amministrazione Comunale – ha detto – per aver accolto la nostra richiesta e anche perché, con questo gesto di buona politica, si dà un segnale forte in un momento storico in cui la donna viene ancora discriminata o peggio è vittima delle inaccettabili violenze che purtroppo riempiono spesso le cronache quotidiane. Con l’apposizione di questa targa, daremo la possibilità ai nostri figli e nipoti di ricordare chi ha contribuito alla crescita culturale della nostra cittadina, vivendo e operando per il bene comune. Vie e piazze sono strumento e veicolo della memoria collettiva e – conclude Concetta Pitruzzello – contribuiscono a definire le figure storiche degne di essere ricordate. Questo gesto di buona politica contribuirà al riequilibrio di una toponomastica che al momento tiene ancora poco conto delle figure femminili che, in ogni campo, si sono distinte come nel caso della nostra poetessa”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: