ULTIM'ORA

Melilli: Giuseppe Carta proclamato sindaco. Intanto venerdì guiderà una protesta pacifica


News Melilli: la proclamazione nella tarda mattinata quando il presidente dell’adunanza dei presidenti di seggio, Guglielmo Ignazio, ha pronunciato il suo nome. Giuseppe Carta è il nuovo sindaco di Melilli. Applausi scroscianti per il nuovo primo cittadino in un’aula consiliare gremita all’inverosimile. Succede a Pippo Cannata, dal quale ha ricevuto una fascia tricolore che, però, per il momento, ha preferito non indossare.

“E’ semplicemente una questione di scaramanzia – dice – e non mi riferisco ai ricorsi presentati dal mio avversario, ma al fatto che gli atti preliminari devono ancora essere protocollati. Quando l’iter del passaggio delle consegne sarà completato, a quel punto metterò pure la fascia. A prescindere dalle formalità, ho già cominciato a lavorare per la mia gente. Venerdì mattina alle 10 manifesteremo pacificamente davanti alla sede di Priolo Servizi”.

A Carta non è proprio andato giù il fatto che, mentre ancora si contavano i voti e non era chiaro chi fosse il nuovo sindaco, l’azienda partecipata di Eni e Lukoil avesse proceduto all’assunzione di tre persone.

Un’azienda della zona industriale ha assunto tre soggetti, figli di dirigenti, due dei quali provenienti da fuori provincia. Io e il sindaco di Priolo Antonello Rizza abbiamo presentato le nostre rimostranze e il nostro malcontento, ma non ci fermeremo qui – commenta il neo primo cittadino. E’ chiaro che un’azienda privata può ingaggiare liberamente, ma se qualcuno pensa di poter continuare a fare ciò che vuole, calpestando gli interessi del territorio, si sbaglia di grosso. Uno dei tre assunti è di Priolo, ma manca la rappresentanza melillese ed è questo che ci fa arrabbiare. Ecco perché venerdì alle 10 saremo davanti alla portineria di Priolo Servizi per una manifestazione pacifica. Le furbizie non ci piacciono. La ricreazione è finita e noi ci batteremo sempre con tutte le nostre forze per far rispettare da tutti il territorio e la comunità che vi risiede”.

Sulla questione è intervenuto anche il sindaco di Priolo, Antonello Rizza, presente in aula. “Che un’azienda faccia tre assunzioni in questo modo, va contro i nostri principi. Ecco perché protesteremo pacificamente noi sindaci insieme ad assessori e consiglieri comunali dei due paesi e a tutti quelli che vorranno esserci. Ci faremo sentire per difendere la nostra gente ed è questo il senso della collaborazione tra i comuni di Priolo e Melilli: portare avanti le esigenze di un territorio che deve essere rispettato e non deriso”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: