ULTIM'ORA

Lo chef siracusano Guarneri presente al primo memorial “La Luce di Aurora”. Golf, cucina e intrattenimento all’insegna della solidarietà


rsz_12768111_10208800767606179_7562164444620213720_o

in foto: lo chef siracusano Giovanni Guarneri

News: la Sicilia enogastronomica tutta riunita per il Primo Memorial “La luce di Aurora”. Presente anche lo chef siracusano Giovanni Guarneri (del ristorante Don Camillo) per un evento che segna la storia dell’enogastronomia siciliana. Domani al Golf Resort le Saie di Carlentini, infatti, si svolge un evento in memoria la figlia dello chef Marco Baglieri del ristorante Crocifisso di Noto, prematuramente scomparsa lo scorso 7 dicembre, a soli 13 anni, a causa di una leucemia, e che proprio quel giorno avrebbe compiuto 14 anni. Una vera e propria festa, all’insegna della buona cucina, dello sport, ma soprattutto della beneficenza. Infatti, tutto il ricavato sarà devoluto in beneficenza a favore di alcune associazioni onlus nate dal desiderio di offrire ai bambini colpiti da malattie oncoematologiche e alle loro famiglie un aiuto concreto per affrontare meglio la difficile e dura esperienza della malattia, di fornire un alloggio “gratuito” soprattutto a chi non è in grado di supportare un non indifferente dispendio economico e di dare la possibilità ai bambini di poter fare una vacanza “normale”: I delfini e di Lucia di Noto, l’Agal di Pavia, Dynamo Camp di Pistoia e Save Moras.

Proprio perché “la vita dei morti è riposta nel ricordo dei vivi”, il desiderio dello chef Baglieri è quello di mantenere vivo il ricordo di Aurora, festeggiando con i suoi colleghi il suo compleanno, come se lei fosse presente, dove tutti dovranno divertirsi, “regalandole” in questo modo qualcosa che la ricorderà in maniera indelebile e portando avanti ciò che a lei piaceva tanto fare: aiutare gli altri.

Gli chef del circuito e delle Soste di Ulisse e non, i produttori di vino e di eccellenze enogastronomiche, i fornitori di materiale per la ristorazione e i catering, gli istituti alberghieri, i sommelier e tanti altri ancora stanno contribuendo a realizzare questo desiderio, mettendo in moto una vera e propria macchina di solidarietà, confermando la grandezza della Sicilia e dimostrando che insieme tutto è possibile, anche realizzare, senza chiedere niente in cambio, una delle feste più belle, mai viste prima in Sicilia.

Un evento unico, durante il quale i grandi nomi dell’enogastronomia siciliana porteranno in tavola non solo i loro piatti, i loro vini e i loro prodotti, ma anche la loro sensibilità in nome di Aurora, la cui luce ancora una volta ha brillato, riuscendo a riunire in sua memoria l’intera Sicilia enogastronomica.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: