ULTIM'ORA

L’inarrestabile onda arcobaleno impazza nei social dopo il sì della Corte Suprema Americana ai matrimoni gay


facebook celebrate pride siracusa timesNews: una storica sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti sancisce la vittoria del mondo LGBT: il matrimonio gay è un diritto costituzionale.

Venerdì 26 giugno, il momento della svolta. Sono stati determinanti i cambiamenti socio-culturali che da sempre evidenziano la forza e il coraggio progressista di un Paese, quello a stelle e strisce, che rappresenta il cuore pulsante del mondo.

tweet obama lovewins siracusa times

Tweet del Presidente Obama

“È una vittoria per l’America, una decisione-fulmine, da oggi la nostra unione nazionale è più perfetta” . Così, ha dichiarato con voce incrinata dall’emozione, un gioioso Barack Obama che già nel 2012, prima della sua rielezione alla Casa Bianca, si era apertamente schierato a favore delle unioni omosessuali. E’ stata scritta una nuova pagina di storia mondiale ed è lo stesso Presidente Obama a commentarlo con un semplice hashtag su Twitter: #LoveWins (L’amore vince).

Forse, non è un caso che la legalizzazione del matrimonio egualitario in tutti i 50 Stati degli U.S.A. arrivi proprio nel mese di giugno. Per chi non lo sapesse, infatti, questo è il mese dei Gay Pride. Un’onda arcobaleno, galvanizzata dal successo americano, ha infatti travolto ogni angolo del pianeta.

Da Lima a Città del Messico, da Instanbul a Berlino passando da Milano, Bologna, Torino e Palermo, il mondo LGBT ha marciato rivendicando i propri diritti, sotto l’urlo di uno slogan “ferocemente pacifico”: L’amore vince. Anche gli italiani dunque scendono in piazza a rivendicare la liberazione del mondo gay, la laicità delle istituzioni, la dignità e sopra ogni cosa la parità di diritti, con gli occhi rivolti alle vittorie d’oltreoceano, sperando in un cambiamento sostanziale che pare non poter mai arrivare.

Foto profilo Twitter della pagina ufficiale della Casa Bianca

Foto profilo Twitter della pagina ufficiale della Casa Bianca

Anche questa volta la social-mania si è resa protagonista dipingendo il web dei colori arcobaleno. La gioia per la vittoria della comunità LGBT si è infatti sprigionata in pochi istanti tra tweet, post su Facebook, foto su Instagram e video su Youtube.

Per tutto il week-end, i colossi di Internet hanno sfoggiato avatar a tema arcobaleno, easter eggs (i tools a tema nascosti da Google, digitando infatti nella barra di ricerca la parola “gay” si vedono comparire un cuore e degli omini che si tengono per mano, tutti rigorosamente dipinti con i colori dell’iride) e video per celebrare i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Il social più famoso del mondo, Facebook ha persino lanciato un’app “Celebrate Pride” che permette agli utenti di applicare un filtro fotografico e colorare la propria immagine del profilo con i colori dell’arcobaleno, simbolo del movimento di liberazione omosessuale.

foto easter eggs google siracusa times

“Easter eggs” su Google

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: