ULTIM'ORA

La Germania non premia gli Agenti di Polizia che fermarono Amri: “foto e frasi di Mussolini nei profili social”


News: la Germania voleva dare una medaglia ai due “eroi” di Sesto San Giovanni che uccisero Amri Ansi, responsabile della strage di Berlino, ma ha preferito rinunciare dopo aver scoperto che nei loro profili c’erano “frasi di estrema destra e foto di Mussolini”. A rivelarlo, ieri, il quotidiano tedesco Bild  spiegando il dietro front del il governo tedesco sull’idea di conferire una medaglia a gli agenti di polizia Cristian Movio e a Luca Scatà. Dopo la notizia, la notte del 23 dicembre, quando il ventiquattrenne Anis Amri era stato fermato alle porte di Milano, era stata la stessa Angela Merkel a ringraziare la polizia italiana e i due agenti. Ora, però, a quanto si legge nell’articolo del quotidiano Bild, l’onorificenza è fuori questione. Il motivo, sarebbe da ricondurre all’orientamento politico dei due giovani, uno di questi originario della provincia di Siracusa. Sui profili di Facebook e di Instagram, quasi oscurati dalla Questura di Milano dopo lo scontro di Sesto San Giovanni, i due poliziotti avevano pubblicato fotografie e commenti di chiara ispirazione di estrema destra, qualcosa su cui nessun governo tedesco può passare sopra. Nel quotidiano Bild, si nota una foto del profilo dell’agente Scatà, l’agente che ha materialmente sparato ad Amri, che su Istagramm fa il saluto romano e di Mussolini. Foto e frasi simili sarebbero state individuate per Movio, il poliziotto ferito da un colpo sparato da Amri, che pare invece che condividesse su Facebook post tratti da siti razzisti e anti-immigrati, in più avrebbe pubblicato la fotografia di una bottiglia di Coca-Cola, quelle con i nomi propri sull’etichetta, con la scritta Adolf.

Per guardare l’articolo (clicca qui).

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: